Benzinaio armato di mazza da baseball sventa la rapina e scaccia i malviventi

Il tentativo di svuotare la cassa è andato male per i due malviventi nonostante avessero una pistola

Serata concitata, quella di martedì, al distributore Esso di via Marecchiese con due rapinatori armati di pistola che hanno tentato di mettere a segno una rapina. I due, descritti dal titolare come "ragazzini con no più di 16 o 18 anni", sono entrati in azione verso le 19.30 arrivando nella piazzola di rifornimento con uno scooter. Casco in testa e volto coperto con una sciarpa, uno dei due giovanissimi è entrato nell'ufficio del benzinaio puntando una pistola ma, il prorpietario, non si è lasciato intimidire e dopo aver afferrato una mazza da baseball è riuscito a scacciare il malvivente. "Ero sicuro che l'arma fosse un giocattolo - ha spiegato il titolare - e vista la giovane età non ho avuto paura anche se, una volta tornati in sella allo scooter, hanno esploso un colpo in aria ma, con tutta probabilità, si trattava di una scacciacani. Erano dei ragazzini e hanno agito da sprovveduti ma, sicuramente, hanno già provato a fare dei colpi simili qui in zona". Scattato l'allarme, in via Marecchiese è intervenuta una pattuglia dei carabinieri e, al momento, le immagini delle telecamere a circuito chiuso sono al vaglio degli inquirenti dell'Arma per individuare elementi utili a riconoscere gli autori della tentata rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento