Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Dopo l'apertura con Steve McCurry, al Ponte di Tiberio arrivano Daria Bignardi e Francesca Michielin

In corso a Rimini il festival di racconti, suoni e voci. Location in Piazza sull’acqua (Ponte di Tiberio) con ingresso gratuito

Ha fatto esordio martedì (28 giugno) Biglietti agli amici, con il festival di racconti, suoni e voci. Nella prima serata tutti gli occhi puntati sulla presenza di Steve McCurry, che ha raccontato la sua opera più recente Bambini del mondo – ritratti dell’innocenza (Mondadori Electa, 2021). L’artista statunitense, insignito di alcuni dei riconoscimenti più prestigiosi a livello internazionale, ha dialogato con la vicedirettrice de La Stampa Annalisa Cuzzocrea mentre alle sue spalle scorrevano alcuni tra i 140 scatti - raccolti nel volume - che ritraggono bambini in scene di vita quotidiana, realizzati in ogni angolo del mondo. A seguire Alessandro Piperno, al crepuscolo, protagonista dell’incontro La voce - e le parole - di Marcel Proust.

Mercoledì (29 giugno) sarà possibile ascoltare Le voci - e le immagini - che ci hanno rovinato la vita, alle ore 21. Libri che mi hanno rovinato la vita - E altri amori malinconici (Einaudi - Stile Libero, 2022), è l’ultimo titolo dell’autrice Daria Bignardi, la cui copertina è stata curata dall’illustratore Emiliano Ponzi. I due, insieme all’autore riminese Marco Missiroli, daranno vita ad un momento di espiazione collettiva, confessando ad alta voce, e senza censura, quali siano le storie e le opere d’arte che gli hanno rovinato la vita. Alle 22 si spazierà verso il mondo della musica con La voce - e le lotte - di una cantautrice insieme a Francesca Michielin, nuova conduttrice di X Factor 2022, autrice e host del podcast Maschiacci, che comincia sempre con la frase: Un uomo che scrive le sue canzoni è un cantautore, mentre una donna che scrive le sue canzoni, per tutti è “solo” una cantante. Delle sue lotte femministe, della sua arte e del suo romanzo d’esordio Il cuore è un organo (Mondadori, 2022), Michielin - parlerà con lo scrittore Matteo B. Bianchi.

A dare l’avvio all’ultima giornata della rassegna alle ore 21, giovedì 30 giugno, saranno Mario Calabresi, Cecilia Sala e Silvia Nucini con l’evento Le voci - e il suono - dal fronte. A poche ore dall’invasione russa in Ucraina, Cecilia Sala era sul treno in direzione Kyiv. A pochi giorni dallo scoppio della guerra Mario Calabresi e Silvia Nucini erano a Siret, sul confine tra Ucraina e Romania. Sono state le loro voci a generare un filo diretto con l’Ucraina, a raccontare l’umanità, attraverso le puntate di Stories, di Altre/Storie e delle altre produzioni della podcast company Chora Media, guidata dallo stesso Calabresi. Proseguiranno alle ore 22 Chiara Valerio e Jonathan Bazzi sul tema Le voci - e i corpi - non conformi. Desiderio, immortalità, corpi umani e vampiri, ossessioni e fragilità, vendetta, odio e inevitabilmente amore. Quali sono i punti di contatto tra Valerio, autrice di Così per sempre (Einaudi, 2022) e Bazzi al suo secondo volume Corpi Minori (Mondadori, 2022) dopo l’esordio Febbre (Fandango, 2019)? I due si sveleranno in una conversazione con la scrittrice Lorenza Ghinelli il cui ultimo volume La stirpe e il sangue (Bompiani, 2022) è in uscita. A chiudere la serata e il festival sarà l’appuntamento La voce - sotto la pelle - nella notte alle ore 23.00 con Joan Thiele, la voce della cantautrice e producer di origini italiane e svizzero - colombiane, classe 1991, si mescolerà ai suoni della notte riminese. L’artista racconterà a Matteo B. Bianchi la sua storia e quella del suo ultimo progetto del 2021, tre EP suddivisi in tre atti che si interrogano su spazio, tempo, futuro ed errori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo l'apertura con Steve McCurry, al Ponte di Tiberio arrivano Daria Bignardi e Francesca Michielin
RiminiToday è in caricamento