Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca

Tanta droga e 24 casi di stalking a Rimini. In un anno la Polizia sequestra 400 chili di stupefacenti

Bilancio di fine anno per la Questura. Tra i dati più significativi spiccano anche 262 arresti e un totale di 1.527 denunce

Per la Questura di Rimini è tempo di bilanci. Un'attività intensa che fa emergere due dati, complessivi del 2021, piuttosto preoccupanti. Si conferma elevato lo spaccio di droga: con 400 chili sequestrati negli ultimi dodici mesi. E soprattutto tante sono le ammozioni per stalking, in pratica due di media al mese, dato che sono complessivamente 24. Tra i dati più significativi spiccano anche 262 arresti e un totale di 1.527 denunce.

Le criticità che hanno contraddistinto il 2021 hanno richiesto un particolare impegno e flessibilità nell’esecuzione dei servizi svolti in seno all’attività della Polizia di Stato, soprattutto complice la pandemia in corso. In particolare il personale della Polizia di Stato si è trovato a operare in seno a profondi cambiamenti sociali garantendo, al contempo, il massimo impegno affinché sicurezza e ordine pubblico fossero garantiti in situazioni mutevoli e
critiche.

Complessivamente sono state controllate circa 70 mila persone e 40 mila veicoli; gli arresti sono stati 262 e le persone denunciate 1.527 in stato di libertà. Il 2021, proprio nell’ottica di una rimodulazione dei servizi di controllo del territorio, ha visto un particolare impulso della Divisione Anticrimine e della Divisione Polizia Amministrativa e di Sicurezza che hanno emesso in totale 232 provvedimenti tra i quali 116 fogli di via 74 avvisi orali e 14 provvedimenti di daspo urbano; le sorveglianze speciali sono state quattro, tre le confische e ben 24 gli ammonimenti per stalking. Sono stati confiscati beni per un valore di oltre 1,4 milioni di euro. Particolare attenzione è stata posta al controllo degli esercizi pubblici declinando l’attività di controllo sia dal punto di vista dell’ordine pubblicon sia dal punto di vista del regime sanzionatorio per il mancato rispetto delle prescrizioni anti-Covid che ha registrato 28 provvedimenti di chiusura.

Particolarmente intensa l’attività di Polizia Giudiziaria, della locale Squadra Mobile che, coordinata dall’Autorità Giudiziaria, si è distinta sia nel contrasto al traffico di droga, sequestrando oltre 400 chili di sostanza stupefacente, sia in ragione dell’impegno profuso per la risoluzione di gravi episodi criminosi; da ultimo l’esecuzione di ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere a carico del presunto autore dell’omicidio avvenuto lo scorso 21 novembre nei pressi della stazione ferroviaria cittadina.

Fondamentale l’attività della Digos che è stata particolarmente impegnata nel monitoraggio dei fenomeni sociali, comprese le nuove manifestazioni degli stessi generati dalla situazione pandemica, sapendo garantire al contempo la sicurezza nelle numerose manifestazioni di piazza. Sul piano della gestione del fenomeno migratorio, sono state definite oltre 150 situazioni di cittadini stranieri non in regola con le norme sul soggiorno. Particolare attenzione è stata prestata alla gestione delle pratiche riguardane i richiedenti asilo che sono quantificabili in oltre 1.100 pratiche.

Molto importante l’attività delle Specialità della Polizia di Stato, Polizia Stradale, Polizia Ferroviaria, Polizia di Frontiera e Polizia Postale che, ognuna nel proprio ambito di competenza hanno garantito il massimo impegno nell’esecuzione dei servizi, contribuendo in modo fondamentale anche nei dispositivi di ordine pubblico, in perfetta sinergia con il personale della Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tanta droga e 24 casi di stalking a Rimini. In un anno la Polizia sequestra 400 chili di stupefacenti
RiminiToday è in caricamento