Blitz all'alba nelle ex colonie di Riccione, in 15 vivevano tra sporcizia e degrado

Raffica di controlli dei carabinieri della Perla Verde che, nella prima mattinata di sabato, sono entrati negli stabili abbandonati in cerca di ospiti non graditi

E' scattato all'alba di sabato un controllo dei carabinieri di Riccione nelle ex colonie abbandonate della Perla Verde. I militari dell'Arma hanno ispezionato gli stabili abbandonati in cerca di ospiti non graditi e, alla fine, il bilancio ha visto 9 persone venire accompagnate in caserma per ulteriori accertamenti. Il grosso degli sbandati, 8 in tutto, è stato scoperto nella zona del Marano, in quella che era la "Casa del Bimbo" e la "Colonia Pio XII" dove, tra escrementi, degrado e un tanfo nauseabondo, dormivano 7 nordafricani e un italiano. Tutte le stanze degli edifici sono state passate al setaccio e, alla fine, quelli che sono stati pizzicati all'interno delle ex colonie sono stati portati in caserma per essere fotosegnalati e, per gli stranieri, valutare la loro posizione e la regolarità del permesso di soggiorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ulteriori controlli sono poi stati effettuati nelle altre ex colonie, la “Papa Giovanni XXIII”, la “ex-Enel” la “Perla Verde”, la “Savioli”, la “Serenella”, la “Reggiana” e la “Verdemare”. Tra le mura diroccate sono spuntati altri 6 stranieri, anche in questo caso tutte vecchie conoscenze delle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e per spaccio di stupefacenti e responsabili del reato di invasione di terreni o di edifici. Tra questi è spuntato un senegalese 44enne sul quale pendeva un ordine di custodia cautelare in carcere. Lo straniero, nel giugno del 2014, era stato il protagonista di una rapina, con violenza sessuale e lesioni, ai danni di una 25enne riminese. In quella occasione la ragazza, che conosceva l'extracomunitario, si era incontrata con il senegalese nella zona del Marano. Improvvisamente l'uomo le aveva strappato il cellulare per poi aggredirla con calci e pugni e, tentando di strapparle i vestiti di dosso, l'aveva costretta a baciarlo toccandole le parti intime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento