menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blitz anti-prostituzione: in una notte fermate 22 lucciole

Negli ultimi mesi sono diverse decine le denunce a piede libero contro donne dell'est Europeo che hanno scelto la Riviera romagnola per esercitare il "mestiere più antico del mondo"

Costante è l’impegno dei Carabinieri nel contrasto al fenomeno della prostituzione, specie quella esercitata in strada. Negli ultimi mesi sono diverse decine le denunce a piede libero contro donne dell’est Europeo che hanno scelto la Riviera romagnola per esercitare il “mestiere più antico del mondo”. I Carabinieri, in stretto contatto e coordinamento con la Prefettura e gli Enti locali, stanno cercato di porre un argine al fenomeno tramite l’applicazione di varie ordinanze recentemente emanate nei comuni rivieraschi.

In poco più di 40 giorni sono oltre 200 le contestazioni elevate (anche a carico dei clienti) e 70 le meretrici denunciate all’Autorità Giudiziaria (per inottemperanza dei provvedimenti dell’Autorità), oltre a quelle sanzionate perché destinatarie del Foglio di Via Obbligatorio. La scorsa notte l’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Riccione fermava tre ragazze per identificazione. Le stesse, con tutta tranquillità, affermavano falsamente di domiciliare in un residence della Perla. Si provvedeva dunque a contattare il proprietario, il quale negava categoricamente che le tre meretrici fossero sue clienti. Ciò portava a dichiarare in stato di arresto due di esse, già gravate da numerose denunce e condanne per Foglio di Via Obbligatorio. Si tratta di:B.A., trentenne rumena, prostituta, pregiudicata; B.G.R., venticinquenne rumena, prostituta, pregiudicata. Mentre, la terza veniva denunciata a piede libero: N.A.M., venticinquenne rumena, prostituta. Nella mattinata il giudice monocratico di Rimini convalidava gli arresti e rinviava il processo a febbraio.


Invece i Carabinieri di Rimini rintracciavano lungo le strade delle frazioni sud di Rimini ben 19 prostitute. Di esse: 13 venivano denunciate per la violazione del foglio di via obbligatorio e per la reiterata violazione dell’ordinanza sindacale antiprostituzione (poiché sorprese ad esercitare in quelle strade colpite dall’ordinanza del comune di Rimini del 29 giugno u.s.) 4 venivano sanzionate amministrativamente, perché era la prima volta che venivano sorprese a prostituirsi; Inoltre, venivano sanzionati amministrativamente (con l’importo di 400 euro) anche 4 uomini italiani, turisti, sorpresi a contrattare la prestazione con le meretrici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento