Blitz antiabusivismo, espulsi dall'Italia 4 venditori senegalesi presi al parco Pertini

Polizia di Stato e Municipale per un'operazione che ha stroncato il giro di merce taroccata da vendere sulla spiaggia. Tra i fermati anche Caucciù, il leader degli extracomunitari già colpito da un foglio di via dalla Provincia di Rimini

Maxi operazione della polizia di Stato e della Municipale per stroncare il commercio abusivo sulla spiaggia di Rimini. Un servizio che, oltre a recuperare merce contraffatta per un valore di 18mila euro, ha visto bloccare 4 senegalesi clandestini che sono stati portati al centro di identificazione ed espulsione di Bari per essere allontanati dall'Italia. Le indagini della polizia, nei giorni scorsi, avevano permesso di accertare che nella zona del parco Pertini si erano radunati numerosi venditori abusivi che, da lì, si portavano poi sulla battigia tra i Bagno 100 e 110 per vendere la loro mercanzia. Venerdì mattina sono scesi in campo 60 agenti, tra Municipale e polizia di Stato, che hanno dapprima bloccato le vedette dei vu cumprà per evitare che dessero l'allarme per poi accerchiare una trentina di venditori abusivi che, con i loro borsoni, si stavano avviando alla volta della spiaggia. Il controllo dei documenti ha visto, per 15 di questi, emergere alcune irregolarità ed è quindi scattato l'accompagnamento in Questura per ulteriori accertamenti. Tra loro sono stati pizzicati anche Caucciù, il leader dei venditori abusivi già fermato lo scorso 5 agosto, che nonostante il foglio di via da Rimini era rimasto in città per continuare a coordinare la sua rete di vendita. Insieme al senegalese 35enne è stato pizzicato anche il suo socio, un coetaneo della stessa nazionalità, soprannominato Toscano, in quanto residente a Pisa, ritenuto essere insieme a Caucciù un leader carismatico degli extracomunitari impegnati a vendere merce tarocca.

In Questura, per 7 senegalesi fermati coi borsoni pieni di scarpe e articoli di pelletteria contraffatti è scattata la denuncia per ricettazione e commercio di prodotti falsi. Altri 2 sono stati muniti di foglio di via obbligatorio e denunciati per minacce e violenza a pubblico ufficiale. Quattro senegalesi, invece, risultati essere clandestini in Italia, sono stati accompagnati a Bari per essere espulsi dal territorio nazionale. Per il Toscano e Caucciù, invece, oltre al foglio di via potrebbero arrivare seri problemi quando dovranno chiedere il rinnovo del permesso di soggiorno che, in base alle nuove disposizioni di legge, gli verrà revocato in seguito alla segnalazione da parte della Questura di Rimini. Un ulteriore aspetto dell'operazione è quello che sta valutando la posizione di un bagnino. Nella zona in questione, infatti, il personale della Questura ha ritrovato, nascosti sotto un telo, ben 10 borsoni stipati di merce contraffatta. Gli inquirenti ipotizzano che possa appartenere al gruppo di senegalesi fermato venerdì mattina e che ci possa essere un accordo tra gli operatori di spiaggia e i vu cumprà sulla loro custodia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento