Blitz all'alba nel dormitorio clandestino: trovati 13 stranieri che bivaccavano

Tra sporcizia e degrado, il Corpo Forestale dello Stato e il personale della polizia hanno controllato l'ex caserma dei vigili del fuoco in via Dario Campana

E' andato in scena nelle prime ore di mercoledì il blitz congiunto di Corpo Forestale dello Stato e polizia che ha portato allo sgombero dell'ex caserma dei vigili del fuoco di via Dario Campana diventato, da alcuni giorni, un dormitorio per sbandati. A segnalare il continuo via vai di soggetti poco raccomandabili alle forze dell'ordine sono stati i residenti della zona e, al termine di una rapida indagine che ha visto anche l'utilizzo dell'elicottero della Forestale, è scattato il controllo. Gli sbandati, infatti, avevano bucato la recinzione che da sul parco XXV aprile e avevano trasformato uffici e locali termici della struttura in dormitori di fortuna. Quando le forze dell'ordine sono entrate in scena, hanno scoperto all'interno dell'ex caserma 13 stranieri, tra romeni, magrebini e senegalesi tutti già noti alle forze dell'ordine, che dormivano tranquillamente tra degrado e sporcizia. Di questi, 8 sono stati portati in Questura perchè privi di documenti e, per 5 di essi, è emerso che soggiornavano clandestinamente in Italia. Per questi ultimi, oltre alla denuncia per invasione di edificio, è scattato anche il deferimento per inosservanza all'ordine di lasciare il Paese. Le forze dell'ordine, inoltre, hanno allertato la proprietà della struttura affinchè prenda provvedimenti per evitare che l'ex caserma si ripopoli di sbandati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento