Bolkestein, i bagnini all'attacco di Gnassi: "Intervento irresponsabile e non rappresentativo"

Nel mirino l'audizione del sindaco di Rimini alla Camera su legge delega di riforma concessioni balneari

Ci ha lasciato assolutamente sbigottiti l'intervento del Sindaco di Rimini Andrea Gnassi, delegato Anci al turismo e demanio marittimo, in audizione alla Camera sulla legge delega di riforma delle concessioni balneari" dichiarano Maurizio Rustignoli e Simone Battistoni, Presidenti di Fiba-Confesercenti e Sib-Confcommercio Emilia Romagna. Finisce così nel mirino dei bagnini il primo cittadino riminese "reo", di essere "intervenuto a nome dell'Anci, addirittura a quanto ci risulta, senza un preliminare lavoro di condivisione con tutti i Sindaci della Costa – continuano Rustignoli e Battistoni - fornendo dichiarazioni intempestive, dannose per la categoria e inopportune in una fase così delicata come quella attuale in cui, finalmente, Governo e Parlamento si stanno impegnando a trovare una soluzione di riordino del nostro settore”.

“A nessuno servono queste fughe in avanti - sottolineano Rustignoli e Battistoni - a tempo debito il ruolo dei Comuni avrà la propria valorizzazione ma, in questo frangente, è necessario che sia elaborata in tempi adeguati una normativa seria, che recepisca i principi previsti dallo schema di decreto legge. Nell'ambito di un confronto ponderato e responsabile il contributo delle nostre Associazioni di categoria, così come quello delle Regioni, appare particolarmente prezioso proprio perché è frutto di una condivisione a monte degli obiettivi da raggiungere. Ci rassicurano, pertanto, le dichiarazioni del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, che confermano, una volta di più, come alla nostra Regione stia a cuore la tutela degli attuali Concessionari balneari”.

“Riteniamo opportuno un intervento dell'Anci che ristabilisca, in tempi brevi, il rispetto di ruoli e della rappresentatività delle posizioni di tutti gli Amministratori locali – concludono Rustignoli e Battistoni - precisando che le normative nazionali non possono essere disattese dalla volontà locale di Sindaci, che in maniera estemporanea pensano di risolvere un problema così complesso a colpi di bandi anticipati. Non si può giocare sulla pelle delle famiglie degli imprenditori balneari.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento