menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo quasi 8 ore recuperato il corpo del turista annegato a Rivabella martedì pomeriggio

Poco dopo la mezzanotte di mercoledì, alla luce delle fotoelettriche, i sommozzatori dei vigili del fuoco arrivati da Bologna sono riusciti a liberare il cadavere incsatrato tra gli scogli. L'uomo stava facendo il bagno insieme alla moglie quando è stato sopraffatto dalle onde e dalla corrente ed è sparito tra le acque del mare agitato

Ci sono volute quasi 8 ore di sforzi estenuanti, aggrappati agli scogli della spiaggia di Rivabella, per riuscire a recuperare il corpo del turista 51enne annegato martedì pomeriggio nel tratto di mare davanti al Bagno 2. Solo dopo la mezzanotte di mercoledì i sommozzatori dei vigili del fuoco, arrivati da Bologna, sono riusciti a disincastrare i poveri resti dell'uomo di nazionalità romena, ma residente in Germania, che si trovava in vacanza con la moglie.

Nella serata di martedì, verso le 19.30, le operazioni di recupero erano state interrotte a causa del mare agitato che non permetteva di operare in sicurezza ma in serata, col mare più calmo e con l'intervento dei sommozzatori, è stato possibile liberare il corpo dall'anfratto in cui era rimasto incastrato. Tutto si è svolto alla luce delle fotoelettriche, fatte arrivare sulla battigia, e una volta riportato il corpo a riva i poveri resti sono stati ricomposti e trasportati all'obitorio in attesa del riconoscimento ufficiale della salma da parte della moglie del 51enne che si trovava con lui in vacanza. Toccherà al magistrato di turno decidere se disporre l'autopsia o far eseguire una ricognizione cadaverica prima di affidare il corpo ai familiari per il rimpatrio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Simbolo di Rimini, storia e curiosità del grattacielo

social

Ricette con uova, 4 idee creative da gustare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento