rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Tragedia di Pila, per il consulente le guide romagnole furono "imprudenti"

Incidente probatorio nell'ambito dell'inchiesta per disastro e omicidio colposi che vede indagati 6 istruttori del Cai

Sussistono profili "di colpevolezza" in capo ai sei indagati per la valanga che il 7 aprile scorso, sul Colle di Chamolé, vicino a Pila, ha ucciso due scialpinisti - Roberto Bucci, 28 anni di Faenza, e Carlo Dall'Osso (52), istruttore Cai di Imola - durante un'escursione programmata della scuola Cai 'Pietramora' (delle sezioni di Cesena, Faenza, Forlì, Imola, Ravenna e Rimini). E' quanto emerge dalla consulenza di Paolo Comune, guida alpina di Gressoney - nonchè direttore del Soccorso alpino valdostano - svolta con incidente probatorio su disposizione del gip di Aosta Giuseppe Colazingari, nell'ambito dell'inchiesta per disastro e omicidio colposi del pm Eugenia Menichetti. In dettaglio, secondo quanto riporta l'Ansa, le "condotte imprudenti" secondo Comune riguardano la scelta del percorso, il numero dei partecipanti (una ventina in tutto) e l'orario di partenza. Ad essere indagati per quella tragedia sono Vittorio Lega (51) istruttore nazionale Cai di scialpinismo di Faenza e direttore del corso, Leopoldo Grilli (44) della sezione Cai di Imola, Alberto Assirelli (50) di Ravenna, Paola Marabini (56) di Faenza, Giacomo Lippera (45) di Rimini, e Matteo Manuelli (43) di Imola, questi ultimi due travolti e feriti. Si tratterebbe del responsabile del corso e dei cinque istruttori dei 12 allievi della scuola Cai 'Pietramora' (delle sezioni di Cesena, Faenza, Forlì, Imola, Ravenna e Rimini) che aveva organizzato l'escursione didattica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia di Pila, per il consulente le guide romagnole furono "imprudenti"

RiminiToday è in caricamento