Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Cambiamenti climatici, allarme per una regione dal clima tropicale con acqua alta e tornado

Legambiente presenta il report sulla situazione in Emilia-Romangna che rischia molto più di altre zone di pagare caro il prezzo del cambiamento climatico

Alluvioni, frane, mareggiate, grandinate con chicchi "grossi come palline da tennis", persino tornado. Con costi enormi da sopportare per la comunità: solo le quattro maggiori alluvioni avvenute dal 2014 ad oggi in Emilia-Romagna hanno prodotto danni 'ufficiali' (quelli effettivi sono sicuramente maggiori) per 500 milioni di euro. Già, perchè l'Emilia-Romagna, per ragioni morfologiche e geologiche, rischia molto più di altre zone di pagare caro il prezzo del cambiamento climatico, come ha rilevato anche Ispra nel suo rapporto 2018. Non solo le temperature medie sono molto più alte rispetto al passato (+1,1 gradi nel 1991-2015 rispetto al 1961-90, +2 gradi in estate) ma è aumentata a dismisura anche la piovosità. E il clima, sottolinea Carlo Cacciamani di Arpae, "è una variabile che aumenta le condizioni di rischio". Basta considerare negli ultimi anni: nel 2017 si è passati dalla siccità, con record di temperature in estate, agli allagamenti di Lentigione (Re) e Colorno (Pr) a dicembre. L'anno scorso si è avuto il maggio più piovoso dal '61 seguito dal giugno più caldo. E tutto ciò si ripercuote su un territorio fragile, dove i fiumi hanno poco spazio e le coste sono spesso impermeabilizzate dal cemento. Sono le stesse carte della Regione, spiega il presidente regionale di Legambiente Lorenzo Frattini, a evidenziare i rischi di acqua alta per città di mare come Cesenatico o Rimini. "Senza voler essere per forza allarmisti queste cose non sai quando capitano ma prima o poi capitano", avverte. E' tutto nel dossier "Il clima ci riguarda: futuri rischi in Emilia-Romagna", presentato in videoconferenza col contributo di diversi esperti di clima, rischio e analisi idraulica. Per correre ai ripari serve consapevolezza che il clima è già cambiato molto, in direzione della tropicalizzazione, e servono soldi. "Abbiamo bisogno di risorse importanti per fare fronte a questi rischi, il cantiere che va aperto è quello della rigenerazione urbana e difesa del territorio", dice ancora Frattini. Attingendo nel modo giusto ai grandi investimenti all'orizzonte. "Sull'uso di Recovery Fund e patto per il lavoro e per il clima- sottolinea ancora il presidente di Legambiente- bisogna avere le idee chiare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambiamenti climatici, allarme per una regione dal clima tropicale con acqua alta e tornado

RiminiToday è in caricamento