Oltre 15mila presenze a Rimini per i Campionati Mondiali 2014 di Kickboxing Wako

"Si calcolano quindi più di 15.500 presenze in città, con atleti e accompagnatori che hanno alloggiato in una cinquantina di alberghi 3 e 4 stelle", evidenzia Brasini

Sono arrivati alle battute finali  i Campionati del Mondo di Kickboxing organizzati da Wako (World Association of Kickboxing Organization), con la collaborazione del Comune di Rimini e di Promozione Alberghiera, che hanno preso il via il 6  settembre scorso al 105 Stadium. "Rimini è stata la sede prescelta per ospitare un evento spettacolare e con numeri importanti -  sottolinea l'assessore allo Sport del Comune di Rimini Gian Luca Brasini - in questa edizione del Mondiale, che viene organizzato ogni due anni, sono stati circa duemila gli atleti coinvolti, con diverse centinaia di accompagnatori a seguito, tra coach, arbitri, tifosi e genitori".

"Si calcolano quindi più di 15.500 presenze in città, con atleti e accompagnatori che hanno alloggiato in una cinquantina di alberghi 3 e 4 stelle - evidenzia Brasini -. È l'ennesima occasione per ribadire la sempre maggiore importanza che ricopre il turismo sportivo per la nostra città, capace realmente di farci fare un ulteriore balzo in avanti in termini di accoglienza. Poter contare su oltre 15mila presenze al termine di una stagione estiva fortemente condizionata dal maltempo rappresenta un segnale che dobbiamo cogliere, continuando con convinzione ad investire sullo sport come motore per un turismo distribuito nel corso dei dodici mesi e che spesso porta presenze alberghiere per più giorni consecutivi".

L'assessore ricorda "che solo nel 2014 Rimini ha ospitato e ospiterà un totale di 105 eventi sportivi tra indoor e outdoor e che solo nei primi sette mesi dell'anno hanno portato 400mila presenze dirette, con un indotto di milioni di euro. Un bilancio in cui, soffermandoci solo sull'estate, spiccano i numeri di Sport Dance in Fiera, che ha contribuito a salvare un luglio difficile, e ovviamente il Gran premio di San Marino e della riviera di Rimini in corso a Misano e la cui ricaduta sull'intero territorio, in termini di immagine oltre che di numeri, è indiscutibile".

"Rimini -prosegue Brasini - ha un potenziale incredibile in termine di servizi da offrire, che stiamo mettendo sul piatto per cercare di intercettare appuntamenti di qualità, lavorando parallelamente all'implementazione dell'impiantistica sportiva. Facendo maggiormente squadra col privato possiamo fare davvero il salto di qualità". Tornando ai Campionati del Mondo di Kickboxing, a Rimini sono arrivati atleti provenienti da 60 nazioni tra cui Uzbekistan, Messico, Madagascar, Kazakistan, Nuova Zelanda, Sud Africa, Stati Uniti, Australia, Mauritius, India, Canada, Tajikistan, Brasile, Russia, Turchia  e ovviamente Europa. Duecento ad esempio le persone che hanno composto la delegazione irlandese.

“Nonostante i conflitti di guerra e la crisi internazionale attuale che sta interessando molte nazioni - dichiara Barbara Falsoni, neo eletta consigliere della Federazione con Gianfranco Rizzi, già organizzatore del Torneo Bestfighter Wako World Cup - siamo felici di constatare che abbiamo ricevuto adesioni da parte di paesi come l’Iraq, Israele e Ucraina, a dimostrazione che lo sport unisce sempre, senza discriminazioni di alcun tipo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento