Caporalato, i Verdi: "Serve un patto per l'equo compenso e un marchio per i prodotti"

Europa Verde Emilia Romagna: "Dopo i casi scoperti nel Riminese occorre intervenire con urgenza per bloccare il fenomeno alla radice"

Per combattere il caporalato in agricoltura la via è stringere un "patto per il giusto compenso al lavoro agricolo", che metta d'accordo produttori, sindacati e grande distribuzione, con la mediazione della Regione Emilia-Romagna. A lanciare la proposta è Silvia Zamboni, consigliera regionale dei Verdi, insieme al co-portavoce del partito in Emilia-Romagna, Paolo Galletti. Entrambi puntano l'attenzione su questa piaga sociale ed economica ricordando proprio i recenti casi scoperti in Romagna e nel Riminese.

Caporalato: arresti e imprenditori denunciati, il video

Secondo i Verdi, per arginare il fenomeno del caporalato e del lavoro nero nelle campagne, combattendo così le organizzazioni criminali, "occorre agire con urgenza su due piani: regolarizzare dei braccianti immigrati e garantire il giusto compenso a imprenditori agricoli e braccianti lungo tutta la catena del valore". In questo contesto, tra l'altro, "non aiuta il fatto che, dopo l'approvazione alla Camera, sia ancora ferma al Senato la proposta di legge che vieta le aste al doppio ribasso nell'acquisto di prodotti alimentari dai produttori all'origine", sostengono i Verdi.

europa verde - silvia zamboni e galletti su caporalato-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Schiavi in Romagna, l'appello di un gruppo di riminesi

Da qui la proposta all'Emilia-Romagna di "attivare la Consulta agricola regionale", mettendo intorno allo stesso tavolo "associazioni dei produttori agricoli, sindacati e grande distribuzione", con l'obiettivo di arrivare a "definire e siglare un Patto per il giusto compenso al lavoro agricolo". In aggiunta, i Verdi propongono anche l'istituzione di un "marchio di certificazione per i prodotti liberi dal caporalato", che sia "collegato all'ottenimento di specifiche premialità nei futuri bandi per l'assegnazione dei fondi del Programma di sviluppo rurale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento