Caporetto Beat Village: salta anche il concerto di Al Bano e Romina Power

Quarto evento cancellato dal palinsesto, il Comune di Rimini e i cantanti: "L'organizzatore ha combinato solo danni"

La voce era già nell'aria e, nonostante tutti i disperati tentativi dei cantanti e l'interessamento dell'amministrazione comunale di Rimini, il concerto del Beat Village alla darsena dove si sarebbero dovuti esibire Al Bano e Romina Power è saltato. Nel pomeriggio, dopo il sound check, i due artisti hanno capito che non sarebbero stati pagati dall'organizzazione e, a malincuore, hanno deciso di non esibirsi. "Per i nostri fan - hanno dichiarato - saremmo saliti sul palco anche gratis ma, poi, è emerso che l'organizzatore non aveva pagato nemmeno il serivce e, quindi, i tecnici hanno annunciato che avrebbero staccato la corrente". Un pomeriggio frenetico, quindi, per cercare di non deludere i fan della coppia arrivati da tutta Italia e anche dall'Europa ma, alle 19.30, è stata convocata la conferenza stampa d'urgenza da parte del Comune per dare l'annuncio ufficiale. 

Al Bano: "Questa gente deve essere cancellata dall'ambiente, creano solo danni" | IL VIDEO

"Willer Dolorati della Dock Production Ltd - ha spiegato per l'amministrazione l'assessore Jamil Sadegholvaad - ci ha tradito. Provvederemo a ritirare immediatamente il nostro patrocinio e, allo stesso tempo, non escludiamo azioni legali per quanto successo. Questo comportamento è un gravissimo danno d'immagine per Rimini. Il patron della manifestazione ha creato uno specchietto per le allodole per poi non pagare nessuno o quasi. Sappiamo, dalla mail che ci è arrivata giovedì mattina, che anche la Siae vanta un credito non indifferente".

"In tanti anni di carriera - hanno spiegato Al Bano e Romina Power - questa è la prima volta che ci capita una cosa simile. Siamo molto dispiaciuti per i nostri fan ma abbiamo cercato di fare tutto quello che era in nostro potere per far aprtire il concerto".

Un evento che, come ha spiegato anche l'assessore Sadegholvaad, il Comune in accordo coi due artisti cercerà in tutti i modi di riproporre. Nel frattempo, le prossime date del Beat Village difficilmente verranno proposte dopo che, sempre nella giornata di oggi, altri artisti hanno dato forfait visto che l'organizzazione non ha onorato i loro cachet. Alla darsena, dove si sarebbe dovuto tenere il concerto di Al Bano e Romina Power, sono centinaia i fan inferociti che hanno pagato un biglietto fino a 90 euro per assistere e che, difficilmente, se lo vedranno rimborsare. Per garantire l'ordine pubblico, sono intervenuti sia i carabinieri che gli agenti della polizia di Stato.

"Il signor Carrisi - precisa Willer Dolorati, raggiunto al telefono - era stato informato 4 giorni fa delle condizioni con cui sarebbe stato pagato e sarebbe dovuto venire non per il cachet da oltre 95mila euro. Gli abbiamo offerto di versargli l'intero incasso della serata e dei biglietti già dati in prevendita e ha accettato. Oltre a questo, si è fatto ospitare al Grand Hotel insieme alla figlie  e, l'organizzazione, ha pagato anche le camere per i 16 musicisti. Alle 16 di giovedì, in accordo con lui, abbiamo regolarmente aperto e proseguito con la vendita degli ultimi biglietti fino a quando, alle 19, mi ha telefonato annullando il concerto. Con questo l'esperienza del Beat Village chiude definitivamente e, oltre a confermare che tutti i biglietti venduti saranno rimborsati, mi riservo di tutelarmi legalmente per le affermazioni del cantante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento