Carabinieri insegnanti nelle scuole per diffondere la cultura della legalità

Martedì, all’istituto tecnico commerciale “Gobetti” di Morciano, è stato illustrato a circa 200 ragazzi i rischi del mettersi alla guida dopo aver bevuto anche un solo bicchiere

Nell’ambito dell’iniziativa avviata dal Comando Provinciale Carabinieri di Rimini che sta dedicando costante attenzione alla diffusione della cultura della legalità, in linea con i percorsi didattici, realizzati mediante conferenze ed incontri con gli alunni dei licei e delle scuole medie inferiori sul tema degli stupefacenti, dell’alcolismo, dello stalking, dei rischi del web e del bullismo, dando particolare rilievo al rischio a cui si va incontro abusando di sostanze alcoliche (nell’ambito dell’iniziativa da poco terminata, ma sempre attuale, denominata “la vita è un bene prezioso se hai bevuto non guidare!”).

Martedì, all’istituto tecnico commerciale “Gobetti” di Morciano, a cura del Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Riccione, è stato illustrato a circa 200 ragazzi i rischi del mettersi alla guida dopo aver bevuto anche un solo bicchiere. Sono stati proiettati filmati ed illustrati i relativi articoli del Codice della Strada, sensibilizzando i giovani sul senso di responsabilità non solo per sé stessi ma anche nei confronti della collettività.

Non è mancata una breve esperienza pratica con la visione della strumentazione per lo svolgimento degli alcool test e la prova degli stessi da parte degli incuriositi ed entusiasti ragazzi. L’iniziativa sarà periodicamente riproposta con interventi in altri istituti scolastici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

Torna su
RiminiToday è in caricamento