"Al raduno di skate non ci vai": ragazzino fa i capricci e aggredisce genitori

Portata la calma in famiglia, al ragazzo sono state spiegate le ragioni e le preoccupazioni dei genitori. Il minore, comprendendo i timori della madre e del padre, ha smesso di fare i capricci

Tre furibonde liti familiari sedate dai Carabinieri del riminese in poche ore. Il primo intervento è stato effettuato lunedì sera a Bellaria: erano circa le 21 quando al centralino del 112 è arrivata la segnalazione di un bambino che in lacrime riferiva che i suoi genitori stavano litigando. I militari, giunti sul posto, hanno appurato che il 13enne era uscito con la nonna per mangiare una pizza e, prima di rincasare, aveva sentito i genitori “urlare e litigare” e, spaventato, aveva chiamato il 112.

I militari hanno placato gli animi dei coniugi, che, comprendevano lo spavento del figlio, hanno deciso di rimandare la discussione ad altro momento. Altra lite familiare in un'abitazione del centro. Sul posto i militari hanno accertato che un ragazzo minorenne, durante una lite scaturita per futili motivi, aveva aggredito i genitori. In particolare, il ragazzino voleva partecipare ad un raduno di skateboard e dormire fuori di casa, ma i genitori gli avevano negato il permesso.

Portata la calma in famiglia, al ragazzo sono state spiegate le ragioni e le preoccupazioni dei genitori. Il minore, comprendendo i timori della madre e del padre, ha smesso di fare i capricci. Ultima lite poco prima delle 3 in un condominio a Santarcangelo: i militari hanno constatato che si trattava di una lite tra coniugi per dissapori familiari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Coronavirus, nuovo decreto fino al 5 marzo: divieto di ricevere più di due persone in casa

Torna su
RiminiToday è in caricamento