menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I Carabinieri ripuliscono il porto-canale, nelle barche inquilini abusivi

"Porto Pulito". E' questo il nome dell'operazione svolta alle prime luci dell'alba di sabato dai Carabinieri delle stazioni di Rimini e Miramare, coadiuvati dai colleghi della motovedetta N510

“Porto Pulito”. E’ questo il nome dell’operazione svolta alle prime luci dell’alba di sabato dai Carabinieri delle stazioni di Rimini e Miramare, coadiuvati dai colleghi della motovedetta N510, finalizzata ad una bonifica nell’area del Porto Canale di Rimini. In particolare, da alcuni giorni molti cittadini hanno evidenziato al 112 o al personale in pattuglia una particolare situazione di degrado dell’area pedonale, dei giardinetti e dei sottoponti.

E’ emerso che alcuni senzatetto avevano costruito dei bivacchi di fortuna sotto i ponti e sotto le scale di discesa, occupando altresì abusivamente delle barche e realizzando dei ricoveri nei canali di scolo delle acque piovane del muro d’argine. Molti ormeggi erano occupati da imbarcazioni semi affondate. Inoltre numerosi tombini di copertura dei pozzetti dell’acqua degli ormeggi (bitte) erano completamente corrosi dalla ruggine.

Vi erano anche alcuni cavi della pubblica illuminazione che pericolosamente penzolavano lungo i parapetti ed i camminatoi. L’intera area era ormai diventata una discarica di rifiuti di ogni genere. Dopo aver circondato l’area, i Carabinieri hanno soccorso 11 clochards (sia italiani che stranieri) che avevano trovato rifugio in imbarcazioni abbandonate o nei canali delle acque piovane. Dopo averli rifocillati, sono stati identificati.

Due sono stati denunciati perché trovati in possesso di coltelli di tipo proibito. Tutti sono stati accompagnati in strutture di assistenza (Caritas o presso privati disposti a riceverli ed assicurare loro un posto letto ed un pasto). Contemporaneamente , i Carabinieri della Motovedetta CC-N510, utilizzando un gommone, hanno provveduto a recuperare, trainare e porre sotto sequestro 17 imbarcazioni semi affondate, in completo stato di abbandono o comunque senza proprietari certi, poi affidate in custodia ad un cantiere della nuova darsena in attesa della loro rottamazione, vendita o dismissione.

Altri militari, invece, si sono dedicati a mettere in sicurezza (transennando e comunque delimitando) i pozzetti scoperti dei due lati del porto. L’intera attività è stata documentata fotograficamente ed alla conclusione è stato predisposto un corposo fascicolo fotografico con tutte le problematiche della zona che nella mattinata di lunedì verrà consegnato in Comune per gli interventi di ripristino del caso. Nel corso dell’operazione sono stati chiamati alcuni operatori del Comune e dell’azienda Hera per alcuni interventi urgenti.

In tale contesto, con l’ausilio dei Vigili del Fuoco è stata smontata una gru di alaggio artigianale, molto pericolosa sia per la navigazione che per le persone in transito sulla banchina. Sono stati messi i sigilli ai canali delle acque reflue, in attesa di una loro definitiva bonifica. Si è anche richiesto un intervento straordinario di pulizia dell’area portuale poiché molti sottoscale, i sottoponti e gli argini sono diventati ricettacolo di rifiuti solidi urbani (abbandonati da persone poco civili in transito).

Sempre a proposito di gente poco attenta alle libertà altrui, i Carabinieri hanno provveduto a “richiamare con fermezza” alcuni proprietari di cani che, al passeggio col loro fido, non rispettavano il regolamento comunale sulla tenuta degli animali d’affezione, specie per quanto concerne l’uso del guinzaglio e la raccolta dei bisogni. Infine, molti cittadini, favorevolmente colpiti dal laborioso impegno dei Carabinieri, spontaneamente hanno ringraziato alcuni militari, auspicando che da oggi quel pezzo di città (da tempo abbandonato, emblema di degrado e ritrovo di emarginati) possa ritornare un’area di passeggio e di svago, senza il pericolo di inciampare in buche scoperte o di incontrare persone malintenzionate che, in zone buie e maltenute, hanno buon gioco a commettere atti di gratuita violenza o di vandalismo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento