Cronaca

Calano i casi di Aids nel riminese: "Fondamentale prevenzione e informazione"

Nella provincia di Rimini si è passati dai 49 casi del 2010 ai 37 del 2014, mentre l'incidenza media nel periodo di lungo corso, tra il 2006 e il 2014

Vietato abbassare la guardia nella lotta contro l'Aids e il virus dell'Hiv. Il vicesindaco di Rimini, Gloria Lisi, evidenzia "l'importanza di una corretta informazione e prevenzione, ma anche la consapevolezza dei rischi, e il passaggio da una responsabilità personale a una sociale". Precisa Lisi: "Nonostante i buoni risultati ottenuti e i passi in avanti fatti negli ultimi anni a livello di diagnosi e cura dell'hiv non dobbiamo infatti indietreggiare di un passo rispetto al fondamentale lavoro di prevenzione che anche a livello territoriale siamo chiamati a compiere".

"L'hiv, seppur lontano dai clamori e dai numeri del passato, continua ad essere un virus pericolosissimo - sottolinea -. dati presentati indicano infatti una costante seppur lenta diminuzione di nuove diagnosi di HIV; nella provincia di Rimini si è passati dai 49 casi del 2010 ai 37 del 2014, mentre l'incidenza media nel periodo di lungo corso, tra il 2006 e il 2014, rimane comunque da tenere sotto osservazione per aver registrato 11,4 casi ogni centomila abitanti. Molto si è fatto dal punto di vista medico e sanitario, ma noi dobbiamo continuare a porre l'attenzione sulla corretta informazione e la promozione di stili di vita attenti alla salute propria e degli altri, in particolare tra i più giovani, i più esposti ai rischi di trasmissione del virus".

"Per questo anche a Rimini abbiamo negli ultimi anni puntato molto anche su iniziative collaterali a quelle più prettamente sanitarie, come la mostra di poster delle campagne di prevenzione italiane e internazionali inaugurata martedì mattina al Sert, nel padiglione di via Ovidio. Un modo per aggredire l'aids anche dal punto di vista culturale e sociale, altrettanto importanti di quello sanitario e scientifico - aggiunge -. Diventa fondamentale allora il richiamo alla responsabilità dei singoli che, mai come in questo ambito, non riguarda solo la propria persona ma ha ripercussioni importanti  e decisive soprattutto per gli altri. È lo stesso concetto che ho avuto modo d’esprimere poco tempo fa riguardo al tema dei vaccini, una corretta profilassi è anche una responsabilità sociale verso gli altri e la propria comunità. Proprio questo passaggio da una responsabilità individuale ad una sociale rappresenta dal mio punto di vista una sfida culturale decisiva nella sconfitta dell'aids.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calano i casi di Aids nel riminese: "Fondamentale prevenzione e informazione"

RiminiToday è in caricamento