Cronaca

Caso Pantani, gli inquirenti dell'epoca pronti a far partire le querele

I legali degli agenti evidenziano come "gogna mediatica a cui sono stati sottoposti gli investigatori, abbia ingiustamente provocato loro un profondo stato di amarezza mitigato dalla consapevolezza di aver svolto bene il loro dovere"

Cinque poliziotti che erano in servizio nel 2004 alla Squadra Mobile di Rimini, l'ex dirigente della squadra Mobile, Sabatino Riccio; il commissario capo, Giuseppe Lancini; gli ispettori capo Daniele Laghi e Vladimiro Marchini e il sovrintendente capo, Walter Procucci, che indagarono sulla morte di Marco Pantani hanno dato mandato ai loro avvocati di procedere in giudizio contro tutti coloro che hanno diffuso "notizie gravemente lesive" della loro reputazione. "Non pare più possibile rimanere silenti - spiegano i legali - e soprattutto continuare a tollerare un linciaggio mediatico che ha assunto proporzioni inaccettabili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Pantani, gli inquirenti dell'epoca pronti a far partire le querele

RiminiToday è in caricamento