rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Caso "Scimmie urlatrici", la maggioranza: "Fiori non si è presentato in consiglio, dimissioni subito"

Proteste in piazza di Anpi e Comunità marocchina. Dopo il post "incriminato" il consigliere non va in aula: "Assente in quello che è il consiglio comunale più importante dell’anno"

Lo avevano annunciato e lo hanno fatto in apertura di consiglio, al momento delle comunicazioni. “I consiglieri del Partito Democratico, Più Santarcangelo PenSa – Una Mano per Santarcangelo esprimono la loro più ferma disapprovazione alle frasi che il capogruppo della Lega Marco Fiori ha ripetutamente riservato alla comunità marocchina nei giorni del Mondiale. Crediamo non sia degno di un rappresentante delle istituzioni rivolgersi ad alcuno con termini tanto dispregiativi quanto gratuiti, nello specifico “scimmie urlatrici”, né tantomeno applaudire quando un utente allude di zittire quei festeggiamenti con le armi. Auspichiamo che il capogruppo Fiori, per rispetto all’istituzione che dovrebbe rappresentare e dei cittadini di Santarcangelo voglia chiedere scusa e accettare le conseguenze delle sue azioni che non possono essere altro che le dimissioni da questo consiglio comunale” hanno scritto i rappresentanti delle forze di maggioranza nel documento letto dal capogruppo del Pd Paola Donini mentre in piazza Ganganelli si teneva il presidio di Anpi e della Comunità marocchina.

Constatando però di non avere interlocutori in aula. “Non solo Marco Fiori non si è assunto le sue responsabilità sui vergognosi episodi - scrive la maggioranza -, ma l’intero gruppo della Lega era assente in quello che è il consiglio comunale più importante dell’anno, l’assise sul bilancio che programma e disegna la vita amministrativa della città e dell’intera comunità santarcangiolese. Di tutta l’opposizione erano presenti solo Domenico Samorani e Barnaba Borghini e gli esponenti della Lega hanno confermato ancora una volta quali siano la loro responsabilità amministrativa e il rispetto per i cittadini santarcangiolesi che li hanno chiamati a rappresentarli e per le istituzioni” chiosano gli esponenti di maggioranza.

La replica di Fiori

Dal consigliere comunale Marco Fiori giunge la seguente precisazione: "Giusto per precisare, non mi sono fatto intimidire dai soliti modi di Anpi e della sinistra, già da tempo avevo notificato al presidente del consiglio comunale tutte le mie assenze, cause trasferte lavorative e inoltre il consiglio comunale in cui si vota un bilancio (strumento politico finanziario di chi governa) non può assolutamente definirsi il "più importante dell'anno ". Invito la maggioranza ad attenersi ai fatti e non a mistificare i fatti a proprio piacimento, invito inoltre l'amministrazione comunale a concentrarsi sui reali e troppi problemi della città".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso "Scimmie urlatrici", la maggioranza: "Fiori non si è presentato in consiglio, dimissioni subito"

RiminiToday è in caricamento