rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Caso Zaki, il presidente Santi ai sindaci: "Concedere la cittadinanza onoraria segno di civiltà"

Il presidente della Provincia: "Non si tratta di ingerenze negli affari interni di un altro Stato, ma di garantire un processo equo e il rispetto della libertà individuale"

Il presidente della Provincia Riziero Santi ha scritto ai sindaci del territorio per proporre di riconoscere la cittadinanza onoraria dei Comuni a Patrick Zaki, detenuto ingiustamente da oltre un anno nelle carceri egiziane.

“Sono stato contattato dall’associazione Sarà. Rimini al futuro – dichiara il presidente Santi - che mi ha chiesto di sostenere questa iniziativa con i nostri Comuni, seguendo l’esempio del Comune di Bologna, il cui Consiglio comunale ha approvato all'unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria di Bologna. Non si tratta di ingerenze negli affari interni di un altro Stato, ma di garantire un processo equo e il rispetto della libertà individuale, perché la condizione di detenzione preventiva di Patrick, che soffre d’asma e con la pandemia entrata nelle carceri egiziane, è incompatibile con il rispetto dei diritti umani".

Caso Zaki, l'intervento di Gnassi sulla cittadinanza onoraria

Prosegue Santi: "Il conferimento della cittadinanza onoraria da parte dei Comuni della provincia di Rimini sarebbe un segnale di civiltà e di vicinanza concreta a Patrick e alla sua famiglia, oltre che un modo per tenere alta l’attenzione su questa terribile vicenda. Penso sia giusto e doveroso far sentire la nostra voce, in attesa dell’auspicabile concessione della cittadinanza italiana. Ringrazio l’associazione Sarà. Rimini al futuro  per essersi fatta promotrice della proposta e confido che i nostri sindaci sapranno fare propria questa iniziativa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Zaki, il presidente Santi ai sindaci: "Concedere la cittadinanza onoraria segno di civiltà"

RiminiToday è in caricamento