Il Consiglio comunale approva la riconsegna al Comune di Rimini di Castel Sismondo

Oltre a Castel Sismondo il Consiglio ha approvato a maggioranza (18 i voti favorevoli, 10 quelli contrari) le delibere di variazione di Bilancio all’ordine dei lavori

Il Consiglio comunale ha approvato martedì sera (20 i voti favorevoli, 4 le astensioni, 2 i voti contrari) la riconsegna al Comune di Rimini del complesso della Rocca Malatestiana da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini. Con questo passaggio formale si risolve così la convenzione in cui il Comune di Rimini assegnò fino al novembre 2030 la completa disponibilità la Rocca malatestiana alla Fondazione Cassa di Risparmio, a fronte dell’impegno a completare a proprie spese il pieno restauro del castello per una spesa allora preventivata in circa 4 miliardi e mezzo di lire, per la promozione, il sostegno e il coordinamento delle attività culturali anche turistiche.

La riconsegna della Rocca malatestiana al Comune arriva a seguito della volontà manifestata da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini di anticipare la risoluzione della convenzione e alla conseguente intenzione del Comune di non fermare il programma di iniziative culturali previste l'estate. Inoltre si consentirà la fruizione al pubblico del Castel Sismondo in un anno particolarmente importante, data la ricorrenza del seicentesimo anniversario della nascita di Sigismondo Pandolfo Malatesta le cui celebrazioni sono partite il 19 giugno scorso. Oltre a Castel Sismondo il Consiglio ha approvato a maggioranza (18 i voti favorevoli, 10 quelli contrari) le delibere di variazione di Bilancio all’ordine dei lavori.

Commenta Gioenzo Renzi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia-An: "Ho espresso il mio voto nettamente contrario,  perchè non condivido assolutamente questo utilizzo del Castello deliberato con poco rispetto proprio  nel seicentenario  della nascita di Sigismondo Pandolfo Malatesta. La scelta dell'amministrazione comunale è di ridurre Castel Sismondo a contenitore del Museo Fellini: le sale rinascimentali diverranno “botteghe” allestite per la ricostruzione dei set  felliniani, mentre le sale dell’Ala di Isotta ospiteranno le opere e/o creazioni di artisti internazionali chiamati a rievocare, elaborare, produrre atmosfere e temi felliniani".

"Castel Sismondo, invece, deve essere il Museo naturale del Signore di Rimini, capitano di ventura e mecenate raffinato che lo realizzò, del grande architetto Filippo Brunelleschi che lo progettò, dei protagonisti del Rinascimento italiano che collaborarono con il Malatesta per realizzare il capolavoro del Tempio Malatestiano, Leon Battista Alberti, Piero della Francesca, Agostino di Duccio, Matteo de’ Pasti - prosegue -. Non solo Il Museo di Fellini, secondo il volere della Amministrazione Comunale, si espanderà dalla Casa del Cinema Fulgor dentro il Castello e sulle cosiddette “arene” per spettacoli di Piazza Malatesta con il CircAmarcord  che prevede un simbolico “luna Park” con spettacoli temporanei, performance di strada, piccoli circhi, ecc. alla faccia del recupero della plurisecolare identità di quest’area".

"Per il progetto del Museo Fellini l’Amministrazione Comunale spenderà 9 milioni di euro, chiesti e ottenuti dal Ministero dei Beni Culturali - continua Renzi -. La riqualificazione di Piazza Malatesta, privilegia, la realizzazione delle arene per spettacoli ( tra il teatro e il Castello,  con la cavea a ridosso del Campone, nell’area laterale del Teatro di fronte a Santa Colomba ) più  che la valorizzazione di Castel Sismondo. Nonostante il protagonista primario o assoluto di Piazza Malatesta sia il Castello di Sigismondo, sepolto per un terzo, in cui la prima cinta muraria e le pendenze delle scarpe delle grandi torri, aspettano di essere liberate dagli interramenti dell’inizio 800, per alzare di 5-6 metri il Castello e farlo tornare imponente e portare alla luce le mura e le torri della cinta esterna.  Sarebbe stata un’opera di importanza storica e culturale per la città che avrebbe attirato l’ attenzione del mondo e dei turisti".

"Piazza Malatesta ha un forte valore dal punto di vista storico architettonico come ricordano il suo vincolo di inedificabilità assoluta per assicurare la prospettiva del Castello Malatestiano e il vincolo archeologico a tutela delle aree sovrastanti il tracciato delle mura tardo imperiali e dell’antico fossato del Castello - continua -. Ma l’amministrazione comunale si è limitata alla realizzazione della corte a mare con la delimitazione in superficie di un muretto di 50 cm che evoca il tracciato del bastione poligonale interrato,  della cavea per spettacoli nell’Arena del Bastione , dell’Arena delle Arti - Museo Fellini, nella piazza destinata  a spettacoli. Per l’amministrazione Gnassi è più importante il Museo Fellini con il CircAmarcord e le arene per spettacoli che Sigismondo Malatesta con il suo Castello e il Rinascimento italiano. Non meravigliamoci, se poi il Sindaco vota contro la riscoperta dell’Anfiteatro romano, e manca di rispetto al Ponte di Tiberio con le “passerelle” in corso di realizzazione. E’ in linea con quelle Amministrazioni Comunali di sinistra del dopoguerra che invece della ricostruzione del Tempio Malatestiano preferivano le case popolari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento