menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riti occulti per risolvere problemi d'amore, arrestato sedicente mago

Ancora un fantomatico mago nella rete delle Fiamme Gialle a pochi giorni dall'arresto della "Maga di Viserba". Nei guai è finito un 42enne di Cattolica, F.C. le sue iniziali

Ancora un fantomatico mago nella rete delle Fiamme Gialle a pochi giorni dall'arresto della “Maga di Viserba”. Un 42enne di Cattolica, F.C. le sue iniziali, è stato arrestato con l'accusa di truffa aggravata. Le indagini sono state svolte dai militari della Guardia di Finanza di Mondovì in seguito ad una denuncia sporta da un 49enne abitante nel monregalese. L'uomo si era rivolto al sedicente mago per risolvere problemi e contrarietà con la propria consorte.

Al riminese è arrivato grazie ad annunci pubblicati su di un noto periodico di astrologia. Il 42enne millantava capacità taumaturgiche proprio per la soluzione di ogni tipo di questione di cuore. La vittima è stato convinto dal mago di essere pervaso da forze occulte e maligne, che avevano causato l’allontanamento della moglie.

L'esperto in scienze occulte aveva spiegato al cliente che il male poteva esser allontanato attraverso particolari “rituali d’amore” e con riti definiti di “legamento di sangue”, i quali potevano essere effettuati attraverso l’invio all’occultista di un fazzoletto intriso di gocce di sangue del cliente.

In chiamo delle prestazione il sedicente esperto di astrologia chiedeva ingenti somme di denaro, che il cliente aveva inviato attraverso vaglia postale o con assegno. Con il passare degli anni il 49enne è arrivato a sborsare fino a 80mila euro. Quando si è accorto che i riti non avevano gli effetti che il mago aveva garantito, il cliente ha cominciato a nutrire seri dubbi sull’efficacia dei rimedi del riminese e ha denunciato il caso alla Procura della Repubblica di Mondovì.

Dalle indagini svolte dalla Guardia di Finanza e coordinate dal Sostituto Procuratore Riccardo Baudinelli, è emerso che, tra il 2008 e il 2011, il 42enne, già finito nel mirino delle forze dell'ordine per truffa, utilizzando svariati alias, aveva raggirato numerose altre persone residenti in diverse regioni d’Italia, le quali, hanno fornito alle Fiamme Gialle importanti elementi di prova a carico del truffatore. Ora il “mago” si trova in carcere a Rimini.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento