Blitz in un hotel: arrestata banda di ladri che ripuliva gioiellerie

Latitanti da sette mesi, i quattro sono finiti in manette grazie all'attività investigativa della polizia che li ha sorpresi a Cattolica

Banda di ladri arrestata giovedì mattina a Cattolica dagli uomini della Volante e della squadra mobile di Rimini. In manette quattro persone, tre uomini e una donna, tra i 27 e i 49 anni di età, tutti di nazionalità romena e senza fissa dimora. I malviventi erano ricercati da mesi, sulle loro teste pendeva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Reggio Calabria, città dove lo scorso dicembre avevano messo a segno un ingente furto in una nota gioielleria. Il giorno dell'Immacolata, l'8 dicembre, i 4 erano riusciti, distraendo i commessi, ad impossessarsi di un rotolo di collane d’oro - la cosiddetta “marmotta” - del valore complessivo di oltre 10mila euro. A seguito di indagini della squadra mobile reggina, il Gip del Tribunale di Reggio Calabria il 22 marzo 2019 aveva emesso nei loro confronti dei 4 un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, misura a cui sino ad oggi non era stata data esecuzione stante l’impossibilità di rintracciarli sul territorio nazionale. Alle 8 di giovedì, grazie all’attività investigativa degli uomini della Volante e della Squadra Mobile ed alla loro conoscenza del territorio e delle sue “dinamiche”, la polizia è venuta a conoscenza dell’arrivo e della presenza dei quattro a Cattolica. E' subito scattato il blitz che ha visto impiegati 10 uomini e che ha permesso, dopo una serie di appostamenti, di individuarli nella hall di un hotel con i bagagli pronti, in procinto di andarsene. Gli agenti agenti si sono assicurati che le vie di fuga fossero state bloccate e li hanno fermati. I ladri non hanno opposto resistenza, ormai rassegnati all'arresto.

La tecnica dei ladri

Un risultato non scontato vista la scaltrezza dei componenti la banda, che aveva permesso loro di evitare per mesi di essere individuati ed arrestati. Scaltrezza dimostrata anche in occasione del reato commesso a Reggio Calabria: in quel frangente i componenti del gruppo, dopo essere giunti in prossimità dell’esercizio commerciale a bordo di un’autovettura, si erano suddivisi i compiti: mentre uno rimaneva posizionato all’esterno per fare il “palo” ed avvertire gli altri in caso di pericolo, gli altri 3 erano entrati nella gioielleria e, mentre 2 di loro distraevano i commessi, l’altro era riuscito ad impossessarsi, senza essere visto, del rotolo di collane d’oro. Sottratta la refurtiva la banda si era dileguata velocemente all’esterno dell’esercizio commerciale dove ad attenderla in macchina vi era il quarto complice, con il quale si erano poi dati alla fuga. A riprova della pericolosità del quartetto, oltre al reato per il quale sono stati arrestati, i componenti della banda sono stati anche denunciati per un ulteriore furto in danno di una gioielleria commesso a Catanzaro nel 2019. I quattro si trovano adesso in carcere.


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Santarcangelo piange la scomparsa della giovane mamma falciata dal suv

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • Bisarca tamponata in A14 "perde" un veicolo che trasportava

Torna su
RiminiToday è in caricamento