menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cattolica gotha della chirurgia alla spalla: in 5 anni quasi 10mila interventi

A fare gli onori di casa il dottor Romeo Giannei, direttore del presidio ospedaliero di Riccione e Cattolica, che ha ringraziato Porcellini e gli altri docenti per l’impegno profuso e ha portato i saluti dei vertici dell’Azienda Sanitaria Unica della Romagna

Si è simbolicamente aperto sabato, con una cerimonia svoltasi nel learning centre dell’Ospedale “Cervesi” di Cattolica, il V Master di Chirurgia della Spalla e del Gomito, tenuto dal professor Giuseppe Porcellini, direttore della relativa Unità Operativa, dalla sua equipe e da una serie di prestigiosi docenti anche di altre strutture sanitarie. Come noto il master è di secondo livello ed è dedicato a professionisti, chirurghi ortopedici e fisioterapisti, che intendano specializzarsi nella disciplina della spalla, con le più moderne tecniche cliniche e riabilitative svolte a Cattolica.

Il professor Porcellini, nella sua presentazione, non ha infatti trascurato di ricordare che nella struttura viene effettuata la tecnica di recupero del tendine col gel piastrinico e che l’Ospedale “Cervesi”, “pur essendo una struttura pubblica”, dispone di un importante laboratorio di biomeccanica e una vasca per riabilitazione in acqua, “tanto che molti atleti, tra cui piloti del motomondiale, preferiscono curarsi da noi che in strutture private”. Il professionista ha inoltre ricordato che “il master è realizzato grazie alla sinergia con l’università di Bologna, presente la dottoressa Dunia Francesconi, e con la Fondazione ‘Alma Mater’, presente con l’amministratore delegato, ingegner Paolo Amadori”.

A fare gli onori di casa il dottor Romeo Giannei, direttore del presidio ospedaliero di Riccione e Cattolica, che ha ringraziato Porcellini e gli altri docenti per l’impegno profuso e ha portato i saluti dei vertici dell’Azienda Sanitaria Unica della Romagna. La dottoressa Francesconi ha ricordato di essersi a sua volta formata presso il master mentre Amadori ha sottolineato che “la nostra fondazione si occupa dell’alta formazione per conto dell’università di Bologna che è l’unica d’Italia ad avere un multi campus.

E la nostra presenza a Cattolica è dovuta, oltre alla qualità del corso, anche alla qualità dell’Ospedale ‘Cervesi’ che lo ospita”. Il master attualmente in corso, e che si concluderà in giugno, è seguito da 6 chirurghi ortopedici e da 6 fisioterapisti; si chiudono il 31 gennaio le iscrizioni per il prossimo corso che prenderà il via in giugno per concludersi nel giugno 2015.

Con l’occasione il professor Porcellini ha ricordato che negli ultimi 5 anni nell’unità operativa di Cattolica sono stati effettuati 9.412 interventi chirurgici, il 65 per cento dei quali di chirurgia di revisione di interventi fatti in altri centri e alcuni anche in collaborazione col dottor Guido Staffa che opera all’Ospedale di Ravenna e col dottor Roberto Donati, neurochirurgo, Ospedale “Bufalini” di Cesena. Diecimila l’anno le visite ambulatoriali svolte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento