Coppietta massacrata di botte dalla gang di picchiatori

I due 18enni finiti all'ospedale con naso rotto e varie ecchimosi, il pestaggio interrotto solo dall'arrivo di alcuni passanti che hanno dato l'allarme

Foto archivio

Lui è finito ricoverato in ospedale con naso rotto e ferite varie, con una prognosi di 25 giorni, lei invece se l'e cavata con un labbro spaccato a suon di cazzotti. Notte da incubo per una coppietta di 18enni cattolichini che, nella notte tra martedì e mercoledì, sono stati aggrediti da una gang di ragazzini che, secondo le ipotesi investigative, da tempo spadroneggia per la città della Regina e che sarebbe coinvolta in altri pestaggi. Il branco, cinque o sei giovanissimi e forse minorenni, ha incrociato le vittime mentre camminavano sul lungomare e ha circondato la coppia. Una serie di apprezzamenti sessuali nei confronti della giovane sono stati il pretesto per attaccare briga e, quando il 18enne ha cercato di difendere la propria fidanzata, è scattata l'aggressione. Il ragazzo è stato preso a calci e pugni dalla gang e, pare, nella rissa è spuntato anche un tirapugni con il quale hanno infierito anche mentre la vittima si trovava già a terra.

A interropmpere il massacro è stato il provvidenziale intervento di alcuni passanti che, oltre a mettere in fuga il branco di picchiatori, ha fatto scattare l'allarme facendo inerventire una pattuglia dei carabinieri. Nonostante l'intervento dei militari dell'Arma, la gang si era già dispersa e non è restato altro da fare che allertare il 118 e chiedere l'intervento dell'ambulanza. Entrambi i fidanzatini sono stati portati al pronto soccorso per le cure del caso. Entrambe le vittime sono state ascoltate dagli inquirenti dell'Arma e, pare, che abbiano fornito elementi utili per indiciduare gli autori del massacro. Si tratterebbe di una banda di giovani, tutti di origini napoletane, non nuova ad imprese del genere e che negli ultimi tempi sta imperversando per Cattolica per compiere gesti analoghi. Descritta come "La banda dei napoletani", si sggirerebbe nei locali frequentati dai coetanei e, agendo in branco, troverebbe ogni scusa possibile per menare le mani e attaccare briga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

Torna su
RiminiToday è in caricamento