Pizzicate vongole senza certificato di tracciabilità, scatta il sequestro

Intervento della Capitaneria di Porto di Cattolica che ha eseguito una serie di accertamenti sulla filiera della pesca

I militari della Captaneria di Porto di Cattolica, nell'ambito dei controlli sulla filiera della pesca, hanno sequestrato 350 chili di vongole. Durante gli accertamenti, avvenuti sulla banchina del porto dove si stava scaricando il pescato, è emerso che i mitili erano senza nessun tipo di certificazione sulla loro tracciabilità come stabilito dalle norme comunitarie. Il pescatore, oltre a vedersi sequestrate le vongole, è stato multato con una sanzione di 1500 euro. Il pescato, ancora vivo, è stato poi rigettato in mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento