rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Cattolica

“Cattolica Promenade”: iniziano i momenti di confronto pubblico sul progetto

l'assessore Ubalducci: "credo fermamente che il concorso, che ha dato gli esiti conosciuti, rappresenti un momento di grande lungimiranza politica e d’innovazione"

Inizia il percorso conoscitivo rivolto a categorie, cittadini e tecnici per l’approfondimento delle idee emerse con il concorso Cattolica Promenade. Come l’amministrazione aveva già spiegato, inizia la fase di concertazione onde avere suggerimenti e proposte in merito alla redazione del vero e proprio progetto preliminare che potrebbe essere finanziato, in parte, dalla Regione Emilia Romagna con i 20 milioni di euro finalizzati ai progetti di riqualificazione costiera.  

Assessore Ubalducci, come organizzerà il lavoro di “concertazione” pubblica?
Come riferito durante la premiazione di “Cattolica Promenade”, è arrivato il momento di istituire un tavolo di lavoro permanente con i rappresentanti delle categorie economiche e con i tecnici di riferimento per iniziare un vero e proprio percorso propositivo. Per cominciare, ho invitato a un primo incontro pubblico, in programma il 25 febbraio alle 17,30 al Palazzo del Turismo, le categorie economiche e tutti i loro associati. Mi aspetto la più ampia partecipazione. In questo contesto verranno riesposti i cinque elaborati finalisti e l’architetto Gilberto Facondini, dirigente del settore urbanistica del Comune, spiegherà i dettagli tecnici e le caratteristiche di ogni elaborato.  

Qual è l’importanza del concorso d’idee “Cattolica Promenade”?  
Credo fermamente che il concorso, che ha dato gli esiti conosciuti, rappresenti un momento di grande lungimiranza politica e d’innovazione, sotto il profilo di un effettivo rinnovamento e valorizzazione del lungomare Rasi – Spinelli, soprattutto se messo in relazione alla prossima scadenza del piano dell’arenile prevista per i primi mesi del 2019, tutto ciò nell’ottica di una rinnovata  valutazione complessiva dell’area di riferimento.  

Secondo lei è opportuno intervenire sul Lungomare ora, come è stato espresso da alcune voci sui social network, in attesa del progetto preliminare?  
Interventi “spot” sull’esistente rischiano di compromettere la visione complessiva dell’intervento programmato che, proprio per la portata dell’innovazione e del rilievo urbanistico anche sotto il profilo della viabilità, richiede una riflessione matura, mirata e non estemporanea. Per non parlare poi dei costi aggiuntivi che, francamente, mi sembrerebbero un’inutile duplicazione di spesa per la collettività.  

Quanto tempo occorrerà per arrivare al progetto preliminare vero e proprio?  
Se si lavorerà davvero in sinergia, trovando punti d’incontro tra tutti i soggetti interessati e con l’obiettivo comune di rendere Cattolica più bella, accogliente e, a tutti gli effetti, protagonista della sfida competitiva che  si è voluta proporre con questa Concorso, potrebbero bastare anche alcuni mesi per giungere al progetto preliminare. Ovviamente, questa Amministrazione non ne vedrà il risultato definitivo ma si impegna sin d’ora ad avviare il percorso con l’auspicio che, dopo le elezioni, chi governerà la nostra città, possa farne tesoro.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Cattolica Promenade”: iniziano i momenti di confronto pubblico sul progetto

RiminiToday è in caricamento