Cronaca

"Cercasi schiavi", il sindacato Usb-Slang denuncia lo sfruttamento dei lavoratori stagionali

Per la sigla sindacale è necessario l'aumento dei salari, la lotta al lavoro nero e “grigio” e al demansionamento. Allo stesso tempo la ricetta prevede "Rispetto delle maggiorazioni per straordinari, lavoro notturno e festivo"

"Cercasi schiavi", con questo manifesto provocatorio il sindacato USB-SLANG ha lanciato la campagna Mai Più Sfruttamento Stagionale in tutta Italia, Rimini compresa. Alcuni punti della città sono stati tapezzati col provocatorio cartellone con scritto “cercasi schiavo per bar, alberghi e ristoranti”. "Una provocazione, certo - spiega il sindacato in una nota - ma evidentemente è la risposta alle lacrime di coccodrillo degli imprenditori da parte di chi l’attività turistica, stagionale, nei locali e nei ristoranti la conosce meglio: lavoratori e lavoratrici. Negli ultimi mesi, infatti, i datori e perfino il ministro del turismo hanno lamentato la mancanza di manodopera in questi settori, dando la colpa ora al Reddito di Cittadinanza, ora alla presunta “schizzinosità” dei giovani, che in questo ambito lavorano a migliaia. Noi conosciamo le condizioni di lavoro nel turismo e nella ristorazione, che sia stagionale o meno, e da anni siamo impegnati in una lotta per migliorarle: salari bassi, lavoro nero e frequenti irregolarità da parte dei datori, carichi di lavoro usuranti ed estrema precarietà. A questo si unisce spesso l’arroganza dei datori che in troppi casi sfocia in ricatto, o addirittura molestia. Se un imprenditore si lamenta perché qualcuno preferisce il Reddito di Cittadinanza – con un importo medio di 473€ per i singoli e 596€ per famiglie - al lavoro che lui offre, dovrebbe vergognarsi delle condizioni infime che sta proponendo ai dipendenti".

Per USB-SLANG è necessariol'aumento dei salari, la lotta al lavoro nero e “grigio” e al demansionamento. Allo stesso tempo la ricetta prevede "Rispetto delle maggiorazioni per straordinari, lavoro notturno e festivo. No intermediazione di manodopera: gli appalti o le cooperative di manodopera sono un ulteriore problema per i dipendenti. Le assunzioni devono essere dirette, da parte di chi gestisce attività o servizi. Per i servizi di pubblica utilità come mense, o stabilimenti balneari, bisogna aumentare il ruolo pubblico nella gestione. Rispetto di pause e turni o giornate di riposo. Naspi prolungata per i lavoratori stagionali".

"Con questi obiettivi concludono - avviamo una campagna estiva di incontro e organizzazione con lavoratori e lavoratrici, per condividere le condizioni di lavoro e una piattaforma di rivendicazione. E’ alzando la testa che riconquisteremo diritti in settori dove fino ad oggi i maggiori sindacati hanno finto di non vedere: noi vogliamo costruire un percorso per far valere le nostre ragioni in un settore dove chi lavora produce profitto, che tuttavia resta in mano a imprenditori e associazioni di categoria".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cercasi schiavi", il sindacato Usb-Slang denuncia lo sfruttamento dei lavoratori stagionali
RiminiToday è in caricamento