Cibo avvelenato nella cucina dell'albergo, caccia all'autore della manomissione

Alcol e candeggina versati nei piatti presenti nel buffet, i clienti si sono accorti in tempo dello strano odore

Foto archivio

Sono stati gli stessi clienti della struttura ricettiva di Miramare ad accorgersi, all'ultimo momento, che qualcosa nei piatti buffet non andava e ad avvertire tutti prima che potessero iniziare a servirsi e a mangiare. E' un vero e proprio giallo quello scoppiato nell'hotel di Miramare dove, qualcuno, ha cercato di avvelenare i turisti versando nelle pietanziere alcol e candeggina. L'allarme è scattato lo scorso 22 agosto e, a mettere sull'avviso gli ospiti, è stato il forte odore provenire dai cibi. Il secondo colpo "dell'untore" è stato messo a segno qualche giorno dopo ma, questa volta, invece di colpire il buffet ha agito direttamente in cucina. Sono stati i cuochi, mentre cuocevano il cibo, ad avvertire l'odore nauseabondo provenire dalle pentole e, anche questa volta, il tempestivo allarme ha evitato che i clienti ingerissero sostanze nocive. In entrambi i casi sono intervenuti i carabinieri e, al momento, le indagini dell'Arma sono concentrate su chi possa aver agito indisturbato nel manomettere le pietanze senza che nessuno se ne accorgesse. I cibi contaminati sono stati messi sotto sequestro e, i campioni, inviati ai laboratori dell'Ausl per le analisi di rito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento