Classifica del Sole24Ore: per Rimini è un tracollo. Perse 23 posizioni in un anno

Una vera e propria Caporetto per la città che si è vista declassificare nella qualità della vita. Resta il fanalino di coda per quanto riguarda la criminalità e, nonostante fosse famosa per il "divertimentificio" perde terreno anche nelle voci del tempo libero in cui spesso gli anni passati primeggiava

Capitale del "divertimentificio" addio. Rimini esce completamente sconfitta dalla classifica de Il Sole 24Ore per quanto riguarda la qualità della vita tanto che, in un anno, ha perso ben 23 posizioni e, nella classifica generale, scivola inesorabilmente al 100 posto quando, lo scorso anno, era 93esima. Preoccupanti i dati per la microcriminalità e i reati contro le persone che vedono la città al terz'ultimo. Si classifica 76esima per quanto riguarda gli appartamenti svaligiati mentre, per quanto riguarda i furti di auto, la situazione appare leggermente migliorata. Alla voce "estorsioni" si classifica 86esima e 88esima per le frodi consumate. Un trend in decisa crescita che ha fatto guadagnare a Rimini il non invidiabile terzo posto a livello nazionale.

Per quanto riguarda servizi, ambiente e salute, tuttavia, la città sale in classifica generale, 16esima, grazie a buone infrastrutture (11esima), a una discreta pagella ecologica (14esima) e al clima (65esima). Buono anche il tasso di emigrazione ospedaliera (34esima), le strutture per i più piccoli (29esima) e per la velocità della giustizia (39esima).

Gli affari e il lavoro, invece, sono un'altra nota dolente per Rimini che, per questa voce, si classifica 36esima nell'elenco generale e in discesa rispetto allo scorso anno. Resta alto lo spirito d'iniziativa dei riminesi (10 in classifica) e la propensione all'investimento (27esima) ma, allo stesso tempo, sale la percentuale di imprese fallite ogni mille abitanti che la fa salire al 13esimo posto. Per quanto riguarda l'export, si piazza al 58esimo posto, al 41esimo per donne occupate e al 63esimo per lo start-up delle aziende.

La vera "mazzata" per la città, da sempre considerata un luogo di divertimento e di vacanze, arriva dalla voce "Tempo libero" dove, da anni, era sempre classificata sul gradino più alto del podio. Quest'anno, invece, Rimini è scesa alla quinta posizione in classifica generale. Resta al secondo posto, invece, per numero di librerie ogni 100mila abutanti, ottava classificata per sale cinematografiche e ristoranti, 26esima per connessioni internet veloci 3 72esima per le associazioni no-profit. Cala, anche, l'indice di sportività che porta la città al 51esimo posto della classifica.

IL COMMENTO DI VITALI - Un balzo all'ingiù di 23 posizioni in un anno, che, di per sè, avrebbe un valore relativo "se però non lo incrociassimo con l'esperienza diretta. Non possiamo nascondere, al di là delle classifiche del quotidiano economico, come tra 2012 e 2013 il territorio riminese abbia risentito in maniera evidente della difficoltà finanziaria e economica per imprese e famiglie", così commenta il presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali.  "Quella che sino a ieri era una lusinghiera resistenza agli enormi problemi generali - ha scritto Vitali, dopo aver comunque fatto notare come solo tre dei sei indicatori sono in flessione - ora si fa sempre più fatica a mantenerla. Non è un caso che l'indicatore sottoposto allo sbalzo più sensibile sia quello 'affari e lavoro'".

Concludendo, il presidente ha ricordato come "l'area riminese continua a soggiornare nella parte alta di queste graduatorie ludiche - ha scritto prima di ribadire come alla parte sulla criminalità, manchi un correttivo per l'alta affluenza turistica - magari tra una settimana confermate o diametralmente smentite da analoghe analisi del quotidiano concorrente; è dotata di una corazza robusta per sopportare i colpi della crisi; assorbe molto meglio di altri territori le difficoltà crescenti di un Paese in bilico; ma sbaglieremmo se utilizzassimo questi nostri plus per non cambiare, per non guardare ai difetti strutturali di una stagione che se ha dato tanto, molto ha comunque tolto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento