Cronaca

Colpito da un'ordine di espulsione si arrampica sul traliccio e minaccia gesto estremo

L'intervento dei vigili del fuoco e dei carabinieri ha evitato il peggio coi militari dell'Arma che sono riusciti a convincere lo straniero a desistere dall'intento suicida

Foto archivio

Notte agitata a Covignano con un'esagitato che, all'improvviso, si è arrampicato su un traliccio della luce minacciando di gettarsi nel vuoto. Il parapiglia si è scatenato poco dopo le 23 nei pressi del campo di "Don Pippo" quando l'uomo, un 33enne di nazionalità ceca già noto alle forze dell'ordine, ha scalato il pilone alto 20 metri per mettere in atto il suo proposito suicida. Lo straniero, sospettato di essere il piromane che da mesi appiccava il fuoco alle strutture incustodite del colle, era stato raggiunto da un ordine di espulsione dall'Italia e, per questo, avrebbe deciso di farla finita. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco e i carabinieri e, mentre i primi hanno iniziato ad arrampicarsi per cercare di mettere in sicurezza il 33enne, i militari dell'Arma hanno iniziato l'opera di convincimento per far desistere l'uomo dal suo intento. Le trattative sono andate avanti per quasi un'ora fino a quando, il ceco, è stato afferrato e riportato a terra in sicurezza. affidato alle cure dei sanitari del 118,e successivamente è stato ricoverato presso reparto psichiatria dell’ospedale di Rimini per gli accertamenti sanitari del caso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpito da un'ordine di espulsione si arrampica sul traliccio e minaccia gesto estremo

RiminiToday è in caricamento