Con lo scooter a noleggio per mettere a segno gli strappi di catenine

Individuato e arrestato l'autore di diversi colpi avvenuti sempre lungo viale d'Annunzio

Dopo numerose segnalazioni arrivate ai carabinieri della Compagnia di Riccione, i militari dell'Arma hanno messo in atto una serie di accertamenti per individuare il ladro seriale specializzato nello strappo di catenine d'oro. Il malvivente, descritto come un italiano 40enne, si aggirava sempre nella zona di viale d'Annunzio agendo nella fascia oraria del pomeriggio. Le vittima, circa 5, hanno descritto agli inquirenti il modus operandi facendo emergere che gli scooter utilizzati per gli strappi erano sempre molto simili tra loro facendo così emergere il sospetto che si trattassero di motorini affittati. Sono stati così battuti i vari noleggi della Riviera fino ad individuare, a Misano, il luogo dove venivano noleggiati.

Ad essere fatale per il rapinatore è stato l'ultimo colpo, nel pomeriggio di mercoledì intorno alle 16.40 che ha fatto scattare l'allarme. I carabinieri, per bloccarlo in sicurezza, si sono diretti fino al noleggio di Misano dove dopo pochi minuti l'uomo è arrivato per riconsegnare il mezzo. An essere bloccato è stato un 47enne napoletano, già noto alle forze dell'ordine per reati specifici. Perquisito, nella scarpa destra i militari dell'Arma gli hanno trovato la catenina d'oro strappata poco prima che gli è valsa le manette. Arrestato, dopo una notte in camera di sicurezza, è stato processato per direttissima e il giudice ha convalidato il fermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruspa come ariete per mettere a segno la spaccata nel supermercato

  • Bollo auto: ecco cosa cambia nel 2020

  • Estetista abusiva pizzicata a lavorare in casa senza permessi

  • Oggi Simoncelli avrebbe compiuto 33 anni: buon compleanno Sic

  • In casa oltre 33mila euro falsi, autotrasportatore arrestato dai carabinieri

  • Alberta Ferretti sfila con la nuova collezione a Rimini e sarà uno show in omaggio a Fellini

Torna su
RiminiToday è in caricamento