rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Concessioni demaniali fuori dal decreto sulla concorrenza, la soddisfazione di Confartigianato

Il plauso di Mauro Vanni: "Bisogna rendersi conto che la realtà delle concessioni demaniali è molto articolata, differente nelle varie zone d’Italia"

Confartigianato Imprese Demaniali accoglie positivamente la decisione del Governo di non introdurre il tema delle concessioni demaniali all’interno del decreto sulla concorrenza, ritenuto importantissimo in chiave PNRR, il piano nazionale di ripresa e resilienza su cui si fonda la ripartenza italiana dopo la pandemia coi fondi messi a disposizione dall’Unione Europea.

“Quella del Governo e del Presidente Draghi ci pare una decisione diligente e seria – dice il Presidente Mauro Vanni – perché normare superficialmente su un tema come questo si rischia di adottare provvedimenti iniqui. Bisogna rendersi conto che la realtà delle concessioni demaniali è molto articolata, differente nelle varie zone d’Italia e le 30.000 concessioni hanno situazioni diverse fra loro. In Italia, ci sono stabilimenti balneari, camping, ristoranti, alberghi, categorie diverse fra loro. Non pensiamo che quel che accade su un territorio sia la normalità. Se interviene il Governo, su scala nazionale, deve farlo in modo equo. Noi stessi da anni chiediamo una ricognizione della costa italiana, perché ad oggi il Demanio Marittimo non ha una fotografia precisa. Con quella, che è l’impegno assunto dal Governo, sarà possibile adottare provvedimenti seri”.

"Sono di oggi - ha commentato il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad - le notizie, riportate dalla stampa specializzata nazionale, circa la scelta del Governo di stralciare dal Disegno di Legge sulla concorrenza la parte riguardante le gare per stabilimenti balneari e commercio ambulante. Si è preferito imboccare una strada di compromesso: attivare per 6 mesi una ricognizione e un censimento aggiornato delle concessioni, anche rispetto agli incassi, orientandosi in questa fase verso la trasparenza. Questa sospensione semestrale, figlia di una dialettica tra partiti nazionali, può essere letta in 2 modi. Il primo è l’attenzione con la quale evidentemente l’Esecutivo si vuole muovere su una materia delicatissima e cioè con un quadro chiaro e attualizzato di una situazione molto complessa e frastagliata anche a livello territoriale. Sei mesi per avere un quadro completo con il quale e grazie al quale poi assumere la decisione definitiva, in dialogo con l’Europa. Ma è chiaro che questo temporaneo ‘congelamento’, seppur motivato da una dichiarata e comprensibile volontà di trasparenza, non aiuta a risolvere lo scenario confuso e precario sul tema delle spiagge, che si protrae ormai da tempo e che lascia nudi gli stessi Enti locali nella gestione della cosa. Conosciamo bene il ‘tutti contro tutti’ tra legge di proroga al 2033 e eterogenei pronunciamenti dei vari livelli di giustizia circa la liceità o meno della stessa. Nessuno o quasi, in queste condizioni di incertezza, potrebbe/vorrebbe investire sulla riqualificazione del bene in gestione. Che occorra fare chiarezza immediatamente, lo chiedono gli stessi operatori balneari. Ora, voglio pensare che la mossa del Governo vada nella direzione di ‘spogliare’ il dibattito da posizioni semi ideologiche per stare sul pezzo, e cioè sul merito, del problema. Se tra 6 mesi le decisioni serviranno a sgomberare il campo dalle nebbie, allora non sarà stato tempo perduto. Vediamo. Certo è che, calendario alla mano, il semestre di censimento scade proprio a ridosso dell’estate 2022”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concessioni demaniali fuori dal decreto sulla concorrenza, la soddisfazione di Confartigianato

RiminiToday è in caricamento