rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Condannati gli autori della spedizione punitiva in centro storico

Dietro il pestaggio di un 18enne ci sarebbe stata una vecchia ruggine col fratello dell'ex fidanzatina

Una ruggine col fratello dell'ex fidanzatina sarebbe all'origine del pestaggio di un 18enne che, venerdì pomeriggio, è stato massacrato di botte nel cuore del centro storico di Rimini. Gli autori, subito fermati dagli agenti della polizia di Stato, sabato mattina sono comparsi davanti al giudice per il processo per direttissima. Il pm aveva chiesto gli arresti domiciliari per tutto il gruppo ma, alla fine, i due esecutori materiali hanno patteggiato 1 anno e 6 mesi mentre gli altri due, che avevano fatto in modo di non far intervenire nessuno per aiutare la vittima, hanno patteggiato 1 anno. Tutti e quattro sono usciti liberi dal Tribunale mentre, la vittima, è ricoverata al "Bufalini" di Cesena con una frattura all'orbita oculare.

E' emerso che a scatenare la furia del branco sarebbe stato un altro 18enne la cui sorella, in passato, era stata legata sentimentalmente al ferito. Una storia finita che, però, aveva scatenato l'autore del pestaggio il quale accusava il ragazzo di aver fatto dimagrire troppo la sorella. Due degli autori dell'aggressione, inoltre, erano vecchie conoscenze delle forze dell'ordine e già finiti nei guai per un'altra rissa tra ragazzini iniziata nel parcheggio del centro commerciale "Le Befane" lo scorso gennaio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannati gli autori della spedizione punitiva in centro storico

RiminiToday è in caricamento