menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confcommercio: "Il turismo e tutte le sue imprese meritano rispetto"

Il presidente Indino tuona contro il governo e lo stop alla stagione sciistica: "Da imprenditori del turismo capiamo gli operatori della montagna, che hanno tutta la nostra solidarieta"

Lo stop alla stagione sciistica, arrivato 12 ore prima della riapertura degli impianti, oltre a spiazzare gli addetti ai lavori ha provocato l'ira del presidente di Confcommercio della provincia di Rimini Gianni Indino per il modo con cui il governo ha trattato gli operatori turistici della montagna. “Siamo imprenditori del turismo e capiamo quanto sia stata pesante per i nostri colleghi delle località sciistiche la decisione del governo di non riaprire gli impianti di risalita e dunque la stagione. Ancora una volta – dice iIndino – è arrivata una decisione dal giorno alla notte, una di quelle che, ahinoi, abbiamo dovuto subire con i pubblici esercizi non più di qualche settimana fa, con attese, annunci e provvedimenti di apertura posticipati al lunedì quando le aziende avevano già fatto spese per la domenica. Questo significa altri pesantissimi danni per imprese già in ginocchio. Una situazione inaccettabile, per la quale hanno tutti la nostra solidarietà. Si dia subito il via a ristori efficaci e congrui per queste imprese chiuse da un anno, bistrattate e mortificate".

"Capiamo gli operatori della montagna - aggiunge il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini - capiamo la loro frustrazione e la loro rabbia, non solo per la decisione in sé, ma per come è arrivata. Pubblici esercizi, alberghi, trasporti, impianti di risalita, maestri di sci: in un attimo si è perso davvero tantissimo in termini economici. Un danno nel danno. Con il governo Draghi speriamo davvero in un cambio di marcia, soprattutto per quanto riguarda chiarezza e capacità, ma se questo è il buongiorno, torniamo ad essere seriamente preoccupati anche per i mesi a venire. Tenendo nella massima considerazione gli aspetti sanitari che vengono prima di tutto, serve un cambio di metodo. Ora abbiamo finalmente il ministero del Turismo, che tanto abbiamo voluto, desiderato per il quale siamo battuti: si adoperi subito per evitare che si ripetano ancora situazioni di questo tipo. Non si può firmare un provvedimento la sera per la mattina seguente: le imprese hanno bisogno di un preavviso congruo. Lo sottolineiamo anche pensando alle dichiarazioni rilasciate dal professor Ricciardi sulla necessità di un lockdown totale. Sarebbe il de profundis per il sistema impresa, metterebbe il Paese a rischio di tensioni sociali e usando questo metodo tutto sarebbe ampliato: il settore del turismo e tutte le sue imprese meritano rispetto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rimini sotterranea tra misteri e curiosità

Attualità

Simona Ventura fa tappa anche in un famoso locale della Valmarecchia

Attualità

Ciak in Romagna, avanti con i casting per il film "Le proprietà dei metalli"

Auto e moto

Cambio gomme: scatta l'obbligo di montare le estive


Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Speciale

    In fila alla cassa o sdraiati sul divano?

  • Cronaca

    Un videogame ambientato a Rimini coi personaggi della città

  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento