Come sfuggire alle truffe: ecco il decalogo

Poche regole, ma essenziali, per non incappare in truffe. A ricordarle i Carabinieri, che martedì hanno arrestato un napoletano di 39 anni per un raggiro ai danni di un'anziana

Poche regole, ma essenziali, per non incappare in truffe. A ricordarle i Carabinieri, che martedì hanno arrestato un napoletano di 39 anni per un raggiro ai danni di un'anziana di 81 anni. “In casa non bisogna aprire la porta a chiunque – ricordano gli uomini dell'Arma -. E' utile ricordarsi che “la prevenzione è la migliore difesa”, mai fidarsi delle apparenze”.Il truffatore per farsi aprire la porta ed introdursi nelle case può presentarsi in diversi modi.

Spesso è una persona distinta, elegante e particolarmente gentile – hanno affermato -. Dice di essere un funzionario delle Poste, di un ente di beneficenza, dell'Inps, o un addetto delle società di erogazione di servizi come luce, acqua, gas, etc. e talvolta un appartenente alle forze dell'ordine. Di solito il controllo domiciliare delle utenze domestiche viene preannunciato con un avviso che indica il motivo, il giorno e l'ora della visita del tecnico”.

Un decalogo speditivo può essere d’utilità:
non aprire agli sconosciuti e non fateli entrare in casa. Diffidare degli estranei che fanno visite in orari inusuali, soprattutto se in quel momento vi è una sola persona in casa;
non mandare i bambini ad aprire la porta;
comunque, prima di aprire la porta, controllare dallo spioncino e, se vi è una persona mai vista, aprire con la catenella attaccata;
in caso di consegna di lettere, pacchi o qualsiasi altra cosa, farli lasciare nella cassetta della posta o sullo zerbino di casa. In assenza del portiere, firmare la ricevuta aprendo con la catenella attaccata;
prima di fare entrare una persona, bisogna accertarsi della sua identità ed eventualmente facendo mostrare il tesserino di riconoscimento;
nel caso in cui si abbaino ancora dei sospetti, telefonare all'ufficio di zona dell'Ente e verificate la veridicità dei controlli. Attenzione a non chiamare utenze telefoniche fornite dagli interessati perché dall'altra parte potrebbe esserci un complice;
tenere a disposizione, accanto al telefono, un'agenda con i numeri dei servizi di pubblica utilità (Enel, Telecom, Acea, etc.) così da averli a portata di mano in caso di necessità;
non dare soldi a sconosciuti che dicono di essere funzionari di Enti pubblici o privati di vario tipo;
mostrare cautela nell'acquisto di merce venduta porta a porta;
se inavvertitamente è stata aperta la porta ad uno sconosciuto e, per qualsiasi motivo, ci si sentite a disagio, non perdere la calma, bisogna aprite la porta e, se è necessario, ripetere l'invito ad alta voce.

“In generale – ricordato i Carabinieri - per essere tutelati dalle truffe bisogna diffidare sempre dagli acquisti molto convenienti e dai guadagni facili: spesso si tratta di truffe o di merce rubata. Per ogni evenienza contattare le forze dell’ordine. Sul sito www.carabinieri.it si potranno trovare consigli utili a tema”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Spot choc a danno della Riviera per promuovere la Calabria, rispetto al nord a rischio Covid

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Tragedia sulle strade, militare di stanza a Rimini perde la vita con la figlia 13enne

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

Torna su
RiminiToday è in caricamento