menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controllati altri 23 cantieri: il bilancio è di 11 denunce

Continuano i capillari controlli finalizzati alla sicurezza nei cantieri su tutto il territorio della Provincia da parte degli uomini dell’Arma al fine di prevenire gli incidenti

Continuano i capillari controlli finalizzati alla sicurezza nei cantieri su tutto il territorio della Provincia da parte degli uomini dell’Arma al fine di prevenire gli incidenti che, anche di recente, hanno riguardato il territorio nazionale con diversi decessi in pochi giorni. La nostra provincia non è stata di certo esente dal triste fenomeno e nel 2001 si sono verificati 8092 infortuni di cui 6 decessi; nel 2012 gli infortuni (dato al 31 maggio) sono stati 2965 con 4 decessi.

Nella considerazione che si tratta di numeri ancora molto importanti, i Carabinieri del Comando Provinciale di Rimini, del personale del locale Nucleo Ispettorato del Lavoro, coadiuvati dai funzionari del Servizio Ispezione Lavoro della direzione provinciale del capoluogo, hanno deciso di intervenire congiuntamente per tutelare quanto più possibile il diritto alla salute dei cittadini e dei lavoratori.

A conclusione di un vasto ed articolato servizio finalizzato al rispetto dei principi generali di prevenzione in materia di sicurezza e di salute proprio dei lavoratori, nonché dell'attuazione dei dispositivi di protezione personale previsti dai regolamenti vigenti, nonché al contrasto dell’impiego di manodopera abusiva, i militari hanno controllato 23 cantieri edili a San Clemente, Morciano di Romagna, Misano Adriatico, Cattolica, Pennabilli e Novafeltria denunciando complessivamente 11 persone in quanto, a seguito delle verifiche, emergevano diverse irregolarità in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti di protezione individuale.

Sono inoltre state contestate oltre 25.000 euro di contravvenzioni anche per erronea tenuta di documentazione amministrativa. I controlli continueranno serrati anche nei giorni prossimi. Dall’inizio dell’anno sono decine le attività effettuate sul territorio ed altrettante le persone deferite all’autorità giudiziaria. Centinaia di migliaia di euro l’importo delle contravvenzioni sino ad ora elevate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento