Controlli a tappeto della polizia di Stato per un capodanno sicuro in tutta la provincia

Diversi gli interventi degli agenti da Cattolica a Santarcangelo per garantire la sicurezza di turisti e residenti

Capodanno di inteso lavoro per il personale della polizia di Stato di Rimini che, a cavallo del 31 dicembre, ha sorvegliato i diversi veglioni tra il capoluogo e Riccione, Santarcangelo, Cattolica e Bellaria per garantire la sicurezza di turisiti e residenti. Un impegno che ha visto gli agenti intervenire prontamente per le situazioni più critiche e che, in complesso, non hanno rovinato i festeggiamenti dell'ultimo dell'anno grazie ai dispositivi di Ordine e Sicurezza Pubblica con l’impiego, sin dal tardo pomeriggio, di agenti della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei corpi di Polizia Locale nonché di reparti specializzati per un totale di oltre 250 unità. Anche l’Esercito Italiano ha contribuito con proprio personale alla sicurezza generale grazie alle pattuglie messe in campo su Rimini nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”.

A Riccione sono stati predisposti specifici servizi per prevenire e reprimere il fenomeno del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti; nei luoghi di concentrazione di giovani in partenza per i locali da ballo pattuglie della polizia di Stato e unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza hanno effettuato numerosi controlli sugli autobus diretti alle varie discoteche ed in tale ambito sono stati effettuati numerosi sequestri di sostanze stupefacenti di varia natura. In particolare si è trattato di 10 dosi di anfetamina, 1 grammo di mariujana, 6 pasticche exstasy e 3 grammi di cocaina.

A Cattolica, fuori da un pubblico esercizio è stato richiesto l’intervento di personale delle forze dell’ordine per una violenta lite tra più persone; gli accertamenti hanno permesso di stabilire che il motivo del contendere era da ricondurre nel presunto diniego dell’utilizzo dei servizi igienici, ragion per cui le persone coinvolte, 4 per l’esattezza, sono venute alle mani, finendo tutte al pronto soccorso dell’ospedale di Riccione per le escoriazioni riportate; per tutti loro prognosi variabili tra i 3 ed i 7 giorni.

Sotto il profilo degli eccessi dovuti ad abuso di sostanze alcooliche o proibite non si registrano particolari criticità; gli ingressi ai Pronto Soccorso degli Ospedali di Rimini, Riccione e Santarcangelo sono stati per tale motivazione rispettivamente 17, 2 e 2. Gli unici feriti da artifizi pirotecnici si sono registrati presso l’Ospedale di Santarcangelo, dove è stato trasportato verso le 00,40 un 21enne nato a Rimini che lamentava ustioni alla mano causate da un fumogeno e presso l’Ospedale di Riccione per un minorenne che a Saludecio poco dopo mezzanotte è stato raggiunto ad un braccio da un fuoco d’artificio partito da un vicino esercizio pubblico. Per i due giovani le prognosi sono rispettivamente di 15 e 10 giorni.

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, si segnala l’intervento effettuato da due pattuglie poco dopo mezzanotte in via Pontebba a Rimini, per un lite familiare tra due coniugi; agli agenti la donna ha dichiarato che l’odierna controversia, per la quale è stato richiesto l’intervento del 118 per le contusioni che entrambi hanno dichiarato avere riportato, non è la prima fra i due ed è per questo motivo che i poliziotti intervenuti hanno attivato il protocollo “EVA”, che cristallizza l’accaduto in appositi atti, consultabili e conoscibili preventivamente da parte degli agenti in caso di una futura necessità di ulteriori interventi nel medesimo contesto familiare.

A Rimini, durante la trascorsa nottata il conducente di un veicolo che aveva provocato un incidente con feriti in via Rapallo, era scappato senza prestare soccorso; segnalati dalla pattuglia della Polizia Municipale intervenuta sul posto modello e colore dell’autovettura, questa è stata intercettata in autostrada corsia nord da una pattuglia della Polizia Stradale all’altezza del mobilificio Valentini ferma sulla corsia di emergenza; identificato il conducente, un 54enne residente in provincia di Forlì, è stato poi accompagnato negli Uffici della Sezione Polstrada poiché si è rifiutato di sottoporsi ai test per verificare l’eventuale assunzione di alcool o sostanze stupefacenti e per questo denunciato all’Autorità Giudiziaria, mentre la Polizia Municipale di Rimini ha recuperato l’autovettura, di proprietà di una società di noleggio e denunciato l’uomo per omissione di soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento