menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi pattuglione dell'Arma nel riminese: in poche ore 4 arresti e 37 denunce

Scopo dell'operazione, informano dal comando provinciale dei Carabinieri, "contrastare fenomeni di delittuosità' specie con riferimento al crimini predatori. Sono stati effettuati capillari servizi sia ad alta visibilità, e quindi con finalità preventive, che repressivi".

Maxi pattuglione dell'Arma dei Carabinieri nel territorio riminese. Giovedì l'Arma "schierato" su tutta la provincia oltre 200 militari, 80 mezzi, stazioni mobili ed un elicottero. Scopo dell'operazione, informano dal comando provinciale dei Carabinieri, "contrastare fenomeni di delittuosità' specie con riferimento al crimini predatori. Sono stati effettuati capillari servizi sia ad alta visibilità, e quindi con finalità preventive, che repressivi".

In particolare le pattuglie, sia in uniforme che in abiti civili, hanno controllato le zone maggiormente frequentate da persone, le spiagge ed aree limitrofe, i centri storici, le periferie, intensificando controlli nei locali ed alla circolazione stradale per prevenire incidenti causati da condotte irregolari e da consumo oltre i limiti previsti di alcol. Particolare attenzione, inoltre, al fenomeni della prostituzione e dell'abusivismo commerciale. controlli a tappeto anche nelle strutture abbandonate.

Complessivamente sono state arrestate quattro persone, mentre 37 sono state indagate a piede libero per furto, ricettazione, violazione al foglio di via obbligatorio, porto di oggetti atti all'offesa, guida sotto l'influenza dell'alcol, invasione di terreni ed edifici, atti contrari alla pubblica decenza. Sul fronte della sicurezza stradale, sono state ritirate 10 patenti di guida ad automobilisti (quattro donne) sorpresi con un tasso alcolemico superiore al consentito. Sono inoltre state sanzionate 4 prostitute in relazione all'ordinanaza del Comune di Rimini. Complessivamente sono state identificate oltre 800 persone e 500 veicoli.

"Intendiamo - ha annunciato il colonnello Luigi Grasso, comandante provinciale dell'Arma - persistere nel dare un forte segnale di presenza sul territorio in questo particolare momento dell'anno cercando di contrastare, quanto più efficacemente possibile, determinati fenomeni delittuosi a tutela del nostro territorio e dei cittadini. ribadisco che la particolare strategia individuata e posta in essere ha fornito risultati positivi e, pertanto, continueremo periodicamente tali iniziative anche con l'impiego di numerose unità di rinforzo che il comando generale ed il comando legione di bologna hanno inviato in provincia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ritenzione idrica: come eliminarla in poche mosse

Ristrutturare

Come trasformare una finestra in un balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento