menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Battuti a tappeto 30 hotel: verifiche su ospiti sospetti e alimenti scaduti

I Carabinieri delle Compagnie di Rimini e Riccione, nell'ambito di mirati servizi di controllo finalizzati al monitoraggio di persone sospette in transito, nonché alla verifica del rispetto delle prescrizioni per gli hotel, hanno operato specifici screening

I Carabinieri delle Compagnie di Rimini e Riccione, nell’ambito di mirati servizi di controllo finalizzati al monitoraggio di persone sospette in transito, nonché alla verifica del rispetto delle prescrizioni per gli hotel, hanno operato specifici screening nei confronti di 30 strutture ricettive.L'operazione ha visto l’impiego di 40 Carabinierie si è avvalso della collaborazione di un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Torreglia (PD) nonché di personale specializzato della locale AUSL, identificando 160 ospiti delle strutture, di cui 20 sono risultati con problemi con la giustizia.

Fra costoro,  un albanese 40 enne, sottoposto a controllo a Riccione, è stato arrestato e portato alla casa circondariale di Brindisi, poiché gravato da un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di La Spezia, per una condanna definitiva a 3 mesi di reclusione per guida senza patente ed in stato di ebbrezza mentre a Rimini, un italiano è stato segnalato amministrativamente alla locale Prefettura quale “assuntore di sostanze stupefacenti” poiché, a seguito di perquisizione eseguita nella camera ove alloggiava, veniva trovato in possesso di una modica quantità di  hashish, occultata in una valigia e rinvenuta grazie al fiuto di “Falko” il “cane Carabiniere”.

Nel medesimo contesto, venivano denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per “possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli”, 2 albanesi di 20 e 30 anni, entrambi pregiudicati, controllati in una struttura di Riccione e trovati in possesso, nel corso delle rispettive perquisizioni estese anche alle autovetture in uso, di due cacciaviti di grossa dimensione e altri arnesi idonei allo scasso. 

I controlli sanitari e amministrativi hanno consentito, invece, l’accertamento di 6 violazioni per generi alimentari scaduti, mancata esposizione della tabella delle tariffe, carenti condizioni igieniche, cambi di destinazione di alcuni locali ed esubero di posti letto, per un ammontare complessivo di circa 5.000 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento