Controlli della Polizia: in due appartamenti erano stipati ben 24 stranieri

Dalle ore 6, quindi gli operatori delle Volanti della Questura di Rimini, con il personale della ASL di Rimini, hanno iniziato a bussare alla porta di 2 appartamenti siti nel comune di Rimini

Si è conclusa alle prime luci dell’alba l’operazione della Polizia di Stato e della Polizia Municipale di Rimini volta a verificare le comunicazioni di ospitalità di stranieri presentate agli Uffici della Questura di Rimini.  I Poliziotti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Rimini, fin dall’inizio dell’estate hanno iniziato un lavoro di raccolta, incrocio e selezione di dichiarazioni, dati e informazioni relative alle presenze di stranieri sul territorio del capoluogo. E all’esito di un articolato lavoro di analisi del flusso documentale e informativo che quotidianamente raggiunge gli uffici della Questura di Rimini, i poliziotti sono riusciti a selezionare alcune “posizioni” che meritavano un approfondimento investigativo in considerazione dei numerosi stranieri che avevano dichiarato di essere ospitati presso il medesimo appartamento.

I poliziotti, in particolare, hanno voluto verificare se le dichiarazioni di ospitalità presentate fossero mendaci o false ovvero, se quelle dichiarazioni, pur essendo veritiere, potevano invece risultare utili a scoprire un altro fenomeno diffuso: quello del sovraffollamento abitativo con tutti coloro che, al fine di intascare importanti canoni di locazione, forniscono in maniera irregolare a stranieri regolari ed irregolari appartamenti e alloggi di fortuna.

Allora selezionati una serie di indirizzi ed effettuati i preliminari sopralluoghi sono scattati i controlli e gli accessi presso gli appartamenti individuati. Dalle ore 6, quindi gli operatori delle Volanti della Questura di Rimini, con il personale della ASL di Rimini, hanno iniziato a bussare alla porta di 2 appartamenti siti nel comune di Rimini. Non appena hanno varcato la soglia di ingresso, infatti, i poliziotti hanno trovato stipati in posti letto di fortuna e in precarie condizioni igienico sanitarie ben 24 stranieri.

L’attività dei poliziotti ha quindi consentito di acquisire tutti gli elementi necessari per elevare n°15 verbali di contestazione per sovraffollamento e per avviare il procedimento per ottenere uno sgombero. 

E non solo. L’attività della Polizia di Stato ha permesso anche di verificare che uno dei due appartamenti indicati della comunicazione di ospitalità di stranieri è un immobile totalmente abusivo, motivo per il quale sono stati avviate le procedure amministrative presso le competenti autorità, anche al fine di accertare ulteriori responsabilità amministrative e penali. Numerose sono le irregolarità igienico-sanitarie riscontrate durante i controlli. 

Sono in corso i necessari accertamenti sull’identità e sull’osservanza delle disposizioni in materia di ingresso e permanenza sul territorio nazionale di 2 uomini, che al momento dei controlli non sono stati in grado di esibire documentazione sufficiente. L’attività dell’Ufficio immigrazione della Questura di Rimini, in particolare, è diretta a verificare - in collaborazione con le varie Questure del territorio - i singoli permessi di soggiorno onde verificare se sussistano responsabilità penali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcuni degli stranieri identificati, infatti, avevano un permesso di soggiorno per motivi di lavoro rilasciato da altre Questure: l’attività dei poliziotti è proprio diretta ad accertare se i documenti forniti dagli stranieri per ottenere tale permesso di soggiorno siano autentici o se i documenti in questione sono stati ottenuti grazie a una dichiarazione in merito a un posto di lavoro soltanto fittizio e non reale.
Il copioso materiale esaminato dai poliziotti ha consentito di individuare ulteriori indirizzi presso i quali nei prossimi giorni verranno effettuati servizi di verifica e accertamento analoghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento