Controlli nei cantieri: 20 denunce, scovati 4 operai "in nero"

Continuano i capillari controlli finalizzati alla sicurezza nei cantieri. I Carabinieri sono stati impegnati in 12 accessi ispettivi; attenzionando 34 ditte e controllando 95 lavoratori

Continuano i capillari controlli finalizzati alla sicurezza nei cantieri. I Carabinieri sono stati impegnati in 12 accessi ispettivi; attenzionando 34 ditte e controllando 95 lavoratori. Sono 4 i lavoratori “in nero” individuati di cui uno clandestino; 20 le persone denunciate (di cui 3 legali rappresentanti ed 1 coordinatore sicurezza). Complessivamente sono state elevate sanzioni contravvenzionali per 39.500 euro e amministrative per 19.735 euro,

Venerdì pomeriggio i militari delle Stazioni di Villa Verucchio, San Leo e personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Rimini, coadiuvati da funzionari del Servizio Ispezione Lavoro della direzione provinciale del capoluogo, a conclusione di un servizio finalizzato al rispetto dei principi generali di prevenzione in materia di sicurezza e di salute dei lavoratori, nonché dell’attuazione dei dispositivi di protezione previsti dai regolamenti vigenti, hanno denunciato un 35enne foggiato, rappresentante di società edile, perché non predisponeva le necessarie opere provvisionali a protezione dei lavoratori esposti al pericolo di caduta dall’alto. Denunciato anche un riminese quarantacinquenne, legale rappresentante di società edile, perché “non conservava in buona efficienza, per tutta la durata dei lavori, le opere provvisionali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Coronavirus, nuovo decreto fino al 5 marzo: divieto di ricevere più di due persone in casa

Torna su
RiminiToday è in caricamento