Cronaca

"Periferie Sicure", pattuglione della Polizia: latitante finisce in carcere

Un provvedimento restrittivo in carcere è stato notificato ad un 23enne di origine moldava, anch’egli sospettato di essere coinvolto in una rapina

228 persone identificate, 70 veicoli controllati, due arresti, altrettanti espulsioni e sette denunce. Questi i numeri dell'operazione "Periferie Sicure" svolta tra venerdì e sabato dal dispositivo della Questura composto dagli agenti della Squadra Volanti, della Squadra Mobile, dell’Ufficio Immigrazione, della Divisione Amministrativa e di quella Anticrimine nonchè della locale sezione di Polizia Stradale, coadiuvati dai reparti inviati in supporto dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza (tra i quali si ricordano il Reparto Prevenzione Crimine di Bologna, le unità a cavallo della Questura di Firenze e quelle cinofile antidroga delle Questure di Bologna ed Ancona).

L'attività si è concentrata sul controllo di residence, sale scommesse e video lotteries, di pubblici esercizi a carattere ricettivo nonchè di stabili in stato di degrado e di abbandono. Nell’ambito di tali servizi, coordinati dal dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, il vice questore aggiunto Cristian Magliarisi, è stato rintracciato un latitante di origine tunisina, che aveva trovato rifugio in un residence di Marina Centro, risultato destinatario di un ordine di carcerazione per rapina aggravata; per l’uomo, tratto in arresto, si sono aperte le porte del carcere dove dovrà scontare una pena di 3 anni di reclusione.

Un altro provvedimento restrittivo in carcere è stato invece notificato ad un 23enne di origine moldava, anch’egli sospettato di essere coinvolto in una rapina. Sono state quindi 7 le persone denunciate in stato di libertà a vario titolo per i reati di furto, evasione, violazione dell’ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale, per inottemperanza al foglio di via obbligatorio dal comune di Rimini e per contraffazione dei dati riportati sul cronotachigrafo.

Sono invece 2 i provvedimenti di espulsione adottati nei confronti di altrettanti soggetti stranieri non in regola con le norme di soggiorno sul territorio nazionale Numerosi sono stati infine i pubblici esercizi, soprattutto locali da ballo e di intrattenimento, controllati dal personale della Divisione Amministrativa della Questura, soprattutto nella zona di Marina Centro e Lungomare Tintori; durante tali controlli sono state riscontrate alcune irregolarità, che verranno contestate ai titolari degli esercizi al termine delle pertinenti verifiche, tuttora in corso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Periferie Sicure", pattuglione della Polizia: latitante finisce in carcere

RiminiToday è in caricamento