Uso delle cinture nei sedili posteriori: partono i controlli della PolStrada

Il non uso delle cinture di sicurezza e il non utilizzo dei seggiolini o adattatori per i bambini, comportano una sanzione amministrativa da 80 a 323 euro

Tra le attività programmate dalla Polizia Stradale di Rimini nel primo semestre 2015, finalizzate a contrastare i comportamenti più pericolosi per la sicurezza stradale, prendono il via anche quelle in materia di utilizzo delle cinture di sicurezza (in particolare quelle nei sedili posteriori) e dei sistemi di ritenuta dei bambini. Il mancato uso delle cinture di sicurezza costituisce un comportamento molto rischioso nella circolazione stradale.

Se usate correttamente, infatti, esse riducono dell’80% la possibilità di morte o ferite gravi, in caso d’incidente. Secondo una ricerca curata dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, relativa all’anno 2011, la percentuale dei conducenti che rispettano l’obbligo di allacciare la cintura di sicurezza è pari al 63%. Ma il dato più preoccupante è la percentuale degli occupanti i posti posteriori che la indossano che non supera il 10%; quest’ultimo dato si registra sia per la scarsa conoscenza sull’obbligo, da parte dell’utente della strada, sia per una sbagliata percezione che, in caso d’incidente, gli occupanti i sedili posteriori, siamo maggiormente protetti rispetto a coloro che siedono nei posti anteriori. In realtà, invece, il mancato uso delle cinture dei sedili posteriori, in caso di sinistro stradale, rende maggiormente a rischio la possibilità d’essere sbalzati fuori dal veicolo.

Insieme al controllo sull’uso delle cinture di sicurezza, si darà maggior attenzione anche al corretto trasporto dei bambini (fino all’altezza di 1,50 metri) su seggiolini e adattatori. Questo per ridurre al massimo le gravi conseguenze che, in un incidente stradale, si ripercuotono sui bambini trasportati nei nostri veicoli. L’obiettivo e di ridurre il preoccupante dato registrato nel 2013 da ACI-Istat che indicava in 55 i bambini sotto i 14 anni che hanno perso la vita e in 12.000 quelli rimasti feriti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al fine di sensibilizzare gli utenti della strada all’utilizzo delle cinture di sicurezza, sia per i sedili anteriori che per quelli posteriori, che per contrastare il fenomeno trasgressivo, la Sezione Polizia Stradale di Rimini, ha predisposto mirati dispositivi di controllo (con l’impiego di un maggior numero di pattuglie) che interesseranno l’intero territorio provinciale. Il non uso delle cinture di sicurezza e il non utilizzo dei seggiolini o adattatori per i bambini, comportano una sanzione amministrativa da 80 a 323 euro e la decurtazione di 5 punti sulla patente di guida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento