Controlli sulla pesca, sequestrati dalla Capitaneria di Porto 400 chili di prodotti ittici

Nei guai il comandante di una imbarcazione da pesca che è stato multato per l'illecito commesso

Foto archivio

Nel corso dei controlli sulla pesca, i militari della Capitaneria di Porto di Rimini hanno sequestrato 400 chili di prodotti ittici. A finire nei guai è stato il comandante del peschereccio che, secondo quanto emerso, avrebbe violato normativa nazionale sulla pesca relativamente al superamento del quantitativo massimo consentito per il pescatore sportivo (limite max 5 kg) e alla pesca in zone e tempi vietati per il pescatore professionale (pesca in zona vietata nei pressi dell’imboccatura del porto). Per l'uomo è arrivato il sequestro del pescato, poi donato alla Caritas, e sanzioni amministrative per 5mila euro oltre alla decurtazione di punti alla licenza di pesca e al titolo professionale del comandante della barca coinvolta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento