rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

Convivere con il diabete: 500 pazienti ricevono le cure al loro domicilio

L'associazione Diabete Romagna è stata ospite al "Siamo al verde" durante la serata di service del Lions Club Rimini Malatesta

Si è svolta giovedì 25 novembre, al “Siamo al verde” di Rimini, la serata di service del Lions Club Rimini Malatesta a favore del progetto di assistenza medica domiciliare per persone con diabete fragili “Portiamo il sorriso in casa”. Sono intervenute alla serata Annachiara Feltracco, responsabile comunicazione e fundraising per Diabete Romagna e Giuseppina Chierici, medico diabetologo dell’associazione Diabete Romagna e responsabile del progetto.

“Portiamo il sorriso in casa” è il primo e unico progetto in Italia di assistenza medica domiciliare  gratuita dedicato alle persone con diabete non autosufficienti e fragili che si trovano a dovere affrontare insieme le importanti difficoltà che una convivenza con il diabete impone. Durante la serata, di fronte ad pubblico particolarmente attento, è stata raccontata la genesi e lo sviluppo di questo progetto che da quando è stato avviato nel 2016 ad oggi permette ad oltre 500 pazienti con diabete fragili e alle loro famiglie di ricevere gratuitamente a casa l’assistenza medica che troverebbero in una visita specialistica in reparto. Chierici, proprio per questo progetto, è stata recentemente premiata con il Leonard Award, l’ “Oscar” del diabete, su una rosa di 180 candidature a livello internazionale, per l’impatto di questo servizio nel migliorare le condizioni di vita dei pazienti con diabete fragili e dei loro caregivers.
“Il Lions Club International annovera il diabete tra le sue macroaree di intervento nel mondo perché le stime di crescita del fenomeno sono preoccupanti e reali – spiega Giordano Fabbri Varliero, presidente del Lions Club Rimini Malatesta -. In quest’ottica il Lions Club Rimini Malatesta ha, ormai da anni, deciso di attivarsi per poter supportare tutti coloro che intervengono nella lotta al diabete nel territorio riminese. Poter contribuire al progetto “Portiamo in sorriso in casa” ci rende orgogliosi, come Lions e come cittadini, perché il diabete rappresenta una problematica che colpisce direttamente la quotidianità delle persone e che rimane fin troppo inascoltata. Diabete Romagna ha una sua visione, una società dove il diabete non rappresenti più un problema, dove chi ne è affetto possa trovare assistenza quotidiana e domiciliare, e dove vi sia fin da bambini una cultura della prevenzione. Questa vision si sposa pienamente col nostro messaggio lionistico”.

Spiega Pierre Cignani, presidente dell’associazione Diabete Romagna: “Siamo infinitamente grati al Lions Club Rimini Malatesta per il sostegno che ci ha dimostrato in questi anni e per la grande sensibilità dei soci e del loro presidente che con grande attenzione e dedizione ci supporta nella realizzazione di un mondo in cui il diabete non abbia più il potere di decidere della vita di nessuno. Abbiamo iniziato con loro un percorso nel 2019, quando ancora nessuno immaginava che alla pandemia diabete si sarebbe aggiunta la pandemia Covid-19. Senza il loro aiuto questo periodo sarebbe stato ancora più complicato per i nostri pazienti e per le loro famiglie. Ci aspettano anni ancora complessi, ma sapere di avere dei compagni di viaggio così presenti e consapevoli ci permette di guardare al futuro con fiducia e coraggio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Convivere con il diabete: 500 pazienti ricevono le cure al loro domicilio

RiminiToday è in caricamento