menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coriano, il sindaco: "Servono azioni per aiutare i veri bisognosi e non solo chi vive sempre di aiuti pubblici"

Nelle comunicazioni il sindaco Domenica Spinelli ha informato sui dati dei contagi nel territorio, 79 positivi in totale da inizio emergenza e 13 quarantene

Si è svolto a Coriano il primo consiglio comunale in videoconferenza. Nelle comunicazioni il sindaco Domenica Spinelli ha informato sui dati dei contagi nel territorio, 79 positivi in totale da inizio emergenza e 13 quarantene attuali. Con grande soddisfazione il primo cittadino ha illustrato la delibera numero 69 di giunta del 26 con la quale la maggioranza ha scelto di non negoziare i mutui. "Scelta che va nella direzione tracciata sin dal 2012 cioè quella di alleggerire il futuro dei  nostri figli ipotecato dalle amministrazioni del passato", afferma Spinelli.

"Questa è stata una scelta di valore - ha precisato il sindaco -. E' proprio in un momento di crisi che un amministratore pubblico ha il dovere di mantenere lucidità per dare risposte concrete ai cittadini senza innescare pericolose derive, come purtroppo accaduto in passato ad altre amministrazioni. Questo modus operandi ci permette di continuare a ridurre l'indebitamento e a liberare delle risorse che possiamo usare per i reali bisogni, senza gravare sulle generazioni future. Tra gli altri importanti interventi dell’amministrazione dell’amministrazione ci sono, la creazione di un fondo di emergenza per le aziende con il primo stanziamento di 20mila euro, l’istituzione della raccolta fondi che conta al momento versamenti per 4.500 euro, l’esonero della Tosap e la nuova regolamentazione per l’uso del suolo pubblico e,  proprio nel consiglio comunale di ieri sera, lo slittamento a settembre del pagamento dell’IMU  per coloro che a causa dell’emergenza covid-19 si trovasse in momentanea difficoltà".

Per la distribuzione delle risorse ricevute per la solidarietà alimentare, oltre ad aver portato a 75mila euro la disponibilità iniziale concessa dal governo di circa 72mila euro ha istituito 3 fasi: nella prima sono stati individuati 41 beneficiari per un importo di 12.650 euro, nella seconda ne sono stati individuati 92 per un importo di 30.880 euro, mentre nella terza sono stati assegnati 2mila euro alla Caritas per l’erogazione di pacchi alimentari". Spiega il sindaco: "Le restanti risorse verranno utilizzate dagli uffici per fronteggiare le necessità nel prossimo periodo, grazie alla mappatura realizzata da questo straordinario lavoro dall’ente, in cui i dipendenti si sono dedicati con estrema applicazione".

"Come anticipato, riteniamo insufficienti queste risorse ad affrontare anche le sole situazioni più gravi per i mesi a venire, ed è per questo che con senso di responsabilità tali risorse sono state utilizzate con attenzione - conclude il primo cittadino -. Saranno i mesi futuri ancora più duri dal punto di vista della necessità delle risorse per fronteggiare i disagi causati dalla scarsità del lavoro stagionale e dalla fine della cassa integrazione. Per questo motivo abbiamo scritto al presidente del Consiglio affinché si adoperi a rinnovare la “solidarietà alimentare” anche per i mesi a venire".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Alla scoperta dei luoghi della fede: il viaggio è anche online

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento