rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, al via un piano regionale per le donne vittime di violenza

"Le donne non sono sole e possono sempre contare sulla rete regionale dei 21 centri antiviolenza sempre aperti e attivi da Piacenza a Rimini"

Una campagna della Regione Emilia-Romagna per individuare le donne vittime e per farle accogliere in emergenza dai centri antiviolenza, nonostante le difficolta' e i limiti imposti dall'epidemia di coronavirus. L'annuncio e' dell'assessore alle Pari opportunita', Barbara Lori. "Stiamo per promuovere nei prossimi giorni una campagna informativa per dire alle donne che non sono sole e che possono sempre contare sulla rete regionale dei 21 centri antiviolenza sempre aperti e attivi da Piacenza a Rimini", afferma Lori in una nota. "Agiamo su due fronti - spiega l'assessore- corretta informazione e situazioni di emergenza". Sul primo fronte, "grazie alla campagna informativa, promuoveremo i numeri da contattare in caso di bisogno a partire dal 1522 nazionale del ministero alle Pari opportunita' e quelli dei centri antiviolenza attivi in tutte le province, raggiungibili anche con whatsapp".

E poi, prosegue l'assessore, "stiamo lavorando insieme ai centri e col coinvolgimento dei Comuni, per individuare soluzioni adeguate, in emergenza, per far fronte alle necessita' delle donne che devono lasciare la propria abitazione e accoglierle in base alle normative di sicurezza dettate dal covid-19". Lori poi puntualizza: "Non appena avremo la disponibilita' delle risorse ministeriali potremo, oltre che per la gestione dei centri antiviolenza e delle case rifugio, utilizzarne una quota proprio per far fronte all'emergenza coronavirus. Siamo al lavoro per non lasciare sola nessuna: le donne devono sapere che la Regione Emilia-Romagna e' al loro fianco per affrontare insieme le difficoltà".

(fonte Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, al via un piano regionale per le donne vittime di violenza

RiminiToday è in caricamento