Simula un incidente al proprio cane per scorrazzare tranquillo in Valmarecchia

Pattugliamenti serrati nell'entroterra riminese da parte dei carabinieri della Compagnia di Novafeltri che hanno sanzionato 10 persone e denunciato una per false attestazioni

Una storiella incredibile quella che i carabinieri della Compagnia di Novafeltria, impegnati nei controlli per contenere l'epidemia di Coronavirus, hanno smascherato e che ha visto finire denunciato a piede libero un 42enne di Pennabilli. L'uomo, nel pomeriggio di martedì, è stato fermato a un posto di blocco a Dogana di Verucchio mentre si trovava al volante della propria Citroen C3. L'uomo ha spiagato ai militari dell'Arma di trovarsi fuori dal proprio comune in quanto stava correndo dal proprio veterinario di fiducia a Villa Verucchio. Nell'auto, infatti, era presente anche il cane del 42enne che presentava una vistosa fasciatura attorno al torace sporca di quello che poteva sembrare sangue. Il pennese ha raccontato che il quattrozampe era stato aggredito da un altro animale e che necessitava di cure urgenti. Alla richiesta di spiegare l'accaduto, però, il 42enne ha iniziato a tentennare e quando i carabinieri gli hanno chiesto di sistemare la fasciatura i militari si sono accorti che era posticcia e che quello che doveva essere sangue era, in realtà, della vernice rossa. La messa in scena è costata al pennese una denuncia a piede libero per false attestazioni a pubblico ufficiale e la pesante multa per la violazione delle norme di contenimento dell’epidemia in atto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da San Leo a Pietracuta in bicicletta solo per gettare la spazzatura. Questa, invece, è stata la scusa di un 40enne residente nella città leonina fermato nella serata di martedì dai militari dell'Arma. E' stata invece la "necessità di aria buona" a spingere una 41enne riminese ad avventurarsi in auto fino a Torello di San Leo nonostante l'epidemia in corso. Un 30enne di Sant’Agata Feltria si è detto totalmente all'oscuro dei provvedimenti restrittivi e, tranquillamente, stava facendo joggin lungo le strade del paese. In tutto, nelle ultime 24 ore, sono state 10 le persone sanzionate dai carabinieri della Compagnia di Novafeltria per l'inosservanza delle nore anticontagio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento